Messina: PRIN 2015, successo dei progetti Unime: migliore performance dal 2008

universita-messina_4_3

Ottimi riscontri per i progetti PRIN presentati da docenti Unime. Numeri alla mano è la migliore performance dell’Ateneo dal 2008 ad oggi. È stata finanziata, infatti, una somma pari a 1,12 milioni, che con l’aggiunta della quota premiale raggiunge complessivamente 1,43 milioni di euro. La cifra è pari all’1,36% dello stanziamento ministeriale totale (€ 94.750.730). Per i PRIN 2012 ci si era fermati allo 0,58%, per il 2010/11 all’1,01%, per il 2009 all’1,21% e nel 2008 all’1,30%. Ad essere premiati sono stati 21 progetti. In 4 di questi l’Università di Messina è unità responsabile: tre sono stati elaborati in ambito umanistico (responsabili i proff. Berardino Palumbo, Antonino Pennisi e Francesco Pomponio), uno nell’area delle scienze della vita (responsabile il prof. Andrea D’Avella). “Il merito principale del risultato raggiunto – afferma il prof. Salvatore Cuzzocrea, Prorettore alla Ricerca – è da attribuire sicuramente ai colleghi che hanno presentato progetti di altissimo livello. In molti casi, tra l’altro, anche i lavori non ammessi al finanziamento hanno comunque ricevuto giudizi positivi. L’Ateneo ha cercato di supportare il più possibile quanto fatto dai nostri docenti e, alla fine, raccogliamo i frutti di uno sforzo iniziato tre anni fa. Per meglio comprendere quanto l’Università di Messina abbia investito sull’attività legata ai PRIN, basti pensare che la quota premiale attribuita dal MIUR, pari nel nostro caso a oltre 162.305 €, viene ufficialmente assegnata agli Atenei. La nostra Università ha deciso, al contrario di altre, di mettere anche questa somma a disposizione dei progetti, così da agevolare ulteriormente i ricercatori”.