Messina: approvato dal Coni il piano pluriennale degli interventi inseriti nel fondo “sport e periferie”

E’ stato approvato dal Coni il piano pluriennale degli interventi inseriti nel fondo “sport e periferie”

sport-universitarioE’ stato approvato da parte del CONI il piano pluriennale degli interventi inseriti nel Fondo “Sport e Periferie” finanziato con il decreto legge 25 novembre 2015, n. 185, convertito con la legge n. 9 del 22 gennaio 2016. La legge autorizza la spesa complessiva di 100 milioni di euro nel triennio 2015/2017, così suddivisi: 20 milioni nel 2015, 50 milioni nel 2016 e 30 milioni nel 2017. Le proposte pervenute alla scadenza del bando il 15 febbraio 2016 sono state 1.681 per un importo complessivo di 1 miliardo e 297 milioni di euro. Il piano pluriennale approvato dal CONI seleziona 183 interventi, tra questi 22 per la Sicilia e le 3 richieste della Città di Messina. E’ quanto comunicato dall’assessore alle Politiche dello Sport, Sebastiano Pino, che, nell’esprimere soddisfazione per questo importante risultato, desidera ringraziare gli uffici che hanno permesso, nel pochissimo tempo a disposizione concesso dal decreto di finanziamento, di presentare tre progetti meritevoli di essere selezionati tra gli oltre 1600 proposti dagli altri comuni. “Queste importantissime risorse – ha sottolineato l’assessore Pino – permetteranno di mettere a norma e di abbattere i costi di gestione di tre importanti impianti sportivi della città. Sono infatti previsti la ristrutturazione e messa a norma del PalaTracuzzi; il completamento del campo di rugby di Sperone, con rifacimento del manto in erba sintetica e la costruzione di una tribuna coperta per 500 posti, spogliatoi e servizi; e la rigenerazione ed efficientamento energetico della piscina comunale Graziella Campagna. I tre progetti hanno un costo totale di 2 milioni e 650 mila euro. La volontà dell’Amministrazione di proseguire l’impegno sul miglioramento dell’impiantistica sportiva di Messina – ha concluso Pino – è confermata nel Masterplan della Città Metropolitana che comprende  altri 2 progetti: la ristrutturazione del campo di atletica Salvatore Santamaria ed il completamento del Palazzetto di Mili Marina”. Dopo la Calabria, la Sicilia risulta la Regione con il maggior numero di interventi individuati nell’ambito del Progetto Sport e Periferie. Ad eccezione di due completamenti d’opera e di tre realizzazioni ex novo, si tratta di interventi di rigenerazione a vantaggio di sedici Comuni diversi, tra cui anche la realizzazione di due impianti natatori e tre centri polivalenti.