Manifestazione nazionale a Reggio Calabria, Oliverio: “progetto scuole contro la violenza”

manifestazione-violenza-donne-11“Da questa manifestazione partira’ un progetto, un programma che coinvolgera’ le scuole. Perche’ il piu’ grande investimento per contrastare la ‘ndrangheta e la violenza e’ quello culturale. Quello che e’ avvenuto a Melito e un lievito che deve far crescere la nuova Calabria”. Lo ha detto il presidente della Regione , Mario Oliverio, intervenendo a Reggio alla manifestazione contro la violenza sulle donne organizzata in seguito alla vicenda della tredicenne vittima di violenze di gruppo a Melito Porto Salvo. “Bisogna fare crescere la Calabria- ha aggiunto Oliverio – che vuole riscattarsi, che vuole valorizzare le sue risorse, queste bellissime risorse, che vuole valorizzare i suoi monti, il suo mare, la sua identita’. Noi dobbiamo essere orgogliosi di essere calabresi, di appartenere ad una terra che ha grandi tradizioni, che ha una storia nobile, che ha una storia grande, che e’ fatta di riscatto”. “Ho annunciato questa iniziativa – ha detto ancora il Governatore – il giorno stesso dell’episodio di Melito. Non l’ho fatto perche’ un’iniziativa risolve il problema o rappresenta la risposta. L’ho fatto perche’ proprio da questa terra, la Calabria, che e’ afflitta da tanti problemi, sul piano economico, sociale, dei servizi, partisse un messaggio forte: mai piu’ indifferenza, mai piu’ girare la testa dall’altra parte. Mai piu’ omerta’. Quella che oggi e’ qui rappresentata e’ una terra che esprime valori, e innanzitutto il valore del rispetto della persona e quello dell’accoglienza. E’ proprio da questa terra deve partire un moto di ribellione, una terra che e’ stata sfregiata dallo stereotipo della presenza negativa della ‘ndrangheta. Il nostro messaggio e’ quello di una Calabria che non si piega e che vuole costruire il suo futuro”.