Locri, caso liceo negato a studente con disabilità: l’associazione “Amici di Nicola” convoca un incontro risolutivo

disabileIl Presidente dell’Associazione Onlus “AMICI DI NICOLA”, organismo per la tutela dei diritti delle persone con disabilità, ha istituito un incontro con le Autorità politiche e scolastiche competenti al fine di porre rimedio, nel più breve tempo possibile, al danno subito dallo studente con disabilità Romeo Nicola. A questo proposito sono stati invitati, per venerdì 14 ottobre alle ore 10:30 presso la sala assemblee della Caritas Diocesana “Casa Santa Marta” di Via Cosmano a Locri (RC), Il Sindaco di Locri Dr. Giovanni Calabrese, il dirigente del Liceo Artistico di Locri, il Presidente della Provincia di RC Dr. Giuseppe Raffa, il Sindaco della Città Metropolitana Dr. Giuseppe Falcomatà, il Direttore Regionale scolastico Dr. Diego Bouchè, l’SOS di Neuropsichiatria Infantile Unità Multidisciplinare della ASP RC Dssa. Giuseppa Foti, l’Assessore Regionale all’Istruzione Dssa. Federica Roccisano, l’On. Sebi Romeo, il Garante per l’Infanzia Cav. Antonio Marziale e, sua Eccellenza Mons. Francesco Oliva Vescovo della Diocesi Locri-Gerace, con l’obbiettivo di trovare una risoluzione alla problematica riguardante il Liceo Artistico “P.Panetta” in quanto, lo studente Romeo Nicola, minore con disabilità al 100% iscritto regolarmente al secondo anno di Liceo, è l’unico studente in Italia che ad oggi non ha potuto iniziare la frequenza scolastica e non si conoscono i tempi necessari a porre fine alle criticità riscontrate sin dal 14 settembre scorso, giorno in cui è emerso che le condizioni contestuali alle necessità dello studente non erano state istituite e pertanto non erano state assegnate la figura dell’Assistente Educativo, l’Assistente di Base, il trasporto scolastico, l’integrazione scolastica con la psicologa, il tutto come previsto dalla Legge e dal PEI (piano educativo individualizzato).
Questa iniziativa cammina in parallelo a quelle già intraprese da: il Prefetto di Reggio Calabria Dr. DiBari, l’interrogazione parlamentare dell’On. Dieni Federica e la denuncia del garante per l’Infanzia della Calabria Cav. A. Marziale. Siamo fiduciosi nella sensibilità dei destinatari della presente e del loro sostegno per la tutela dei diritti dei minori e delle persone con disabilità, rammentiamo che, gli studenti come Nicola possono essere una risorsa se giustamente inclusi e integrati in un contesto scolastico e sociale.