Lega Pro, scoppola in casa per il Messina: la Paganese sbanca il San Filippo per 2-0

Lega Pro, il Messina perde in casa: la Paganese merita la vittoria. I tifosi di casa contestano pesantemente la squadra peloritana

LaPresse/Carmelo Imbesi

LaPresse/Carmelo Imbesi

Messina-Paganese 0-2- Reduce dalla vittoria a Catanzaro, il Messina si rituffa nel campionato di Lega Pro giocando in casa contro la Paganese. Qualche novità di formazione rispetto alle previsioni della vigilia: nel Messina Bruno vince il ballottaggio con Akrapovic mentre nella Paganese Herrera si prende una maglia da titolare in attacco. Dal primo minuto spazio anche a Camilleri. Inizio di partita con il Messina pimpante che tiene le redini del gioco. Poche occasioni da goal nei primi 25 minuti. A sorpresa al 27′ la Paganese passa in vantaggio  Reginaldo serve Deli in area, il quale batte Berardi da pochi metri. Al 32′ i campani sfiorano il raddoppio con Herrera. Dopo il vantaggio la Paganese attacca mentre i siciliani non riescono a macinare gioco. A fine primo tempo: punizione per il Messina, batte Musacci ma la palla va fuori. Inizio ripresa con una Paganese ben messa in campo ma non riesce chiudere la partita. Del Messina da ricordare un tiro fuori di Foresta e nulla più. Grandissima occasione per i campani al 53′: Deli si “mangia” un goal praticamente fatto. Il Messina ritorna a premere ma nessuna occasione degna di nota, i campani si difendono con ordine e tranquillità. All’82′ la Paganese chiude la partita: contropiede velocissimo di Longo, tiro all’angolino e Berardi battuto. Inizia forte la contestazione dei tifosi peloritani al grido “andate a lavorare”. Pozzebon da fuori area tenta di riaprire il match ma la palla è fuori. Dopo 4 minuti di recupero l’arbitro fischia la fine.

Un brutto Messina perde meritatamente contro una Paganese ben organizzata, la quale è scesa in Sicilia consapevole della propria forza e con le idee chiare. Per i peloritani è notte fonda, probabilmente il caos societario di certo non fa bene alla squadra di Stracuzzi.

LaPresse/Carmelo Imbesi
LaPresse/Carmelo Imbesi
LaPresse/Carmelo Imbesi
LaPresse/Carmelo Imbesi