I Peshmerga in guerra con l’Isis: “con l’addestramento degli italiani distruggeremo i terroristi”

isisProsegue senza sosta la guerra contro i terroristi dell’Isis, i quali stanno combinando qualsiasi razzia tra Siria, Libia, ed Iraq. Il colonnello Abdullah che è al comando delle forze Peshmerga che da sudest avanzano verso Mosul, afferma all’Ansa: ”oggi possiamo fare tutto grazie all’addestramento dell’Esercito italiano. Grazie Italia, il vostro popolo e il vostro governo e’ amato da tutti in Kurdistan”. Qui la linea del fronte ruota attorno alla citta’ di Bashiqa: qui i terroristi avrebbero costruito dei bunker sotterranei. I curdi sono piazzati sul Monte Bashiq: da qui sparano contro i terroristi. A poche centinaia di metri dall’avamposto dei Peshmerga c’e’ la base delle forze speciali turche. Sono qui dal 2015, dopo aver ottenuto il via libera da Erbil, mentre a Baghdad la loro presenza non e’ gradita. I boati corrono per tutta la valle, mentre i caccia sorvolano l’area. Oltre 12.500 i militari curdi che hanno fatto i corsi avanzati patrocinati da Roma a Erbil. “Ci piace molto il governo italiano, e’ venuto per aiutarci e lo ha sempre fatto”, dice il colonnello Abdullah: “Noi Peshmerga siamo molto affezionati a voi”. E poi conclude con un sentito ‘grazie’ in italiano. Sulla stessa lunghezza d’onda anche i soldati semplici. Harwan ha 23 anni: “Sono stato in Italia, a Roma, Milano, Termoli. L’Isis e’ arrivato qui per prendersi le nostre vite. Ma noi li annienteremo, vogliamo che ci sia pace, senza divisioni fondate sulla religione”.