I lavoratori dell’ex Messinambiente rischiano di non poter percepire l’indennità di mobilità: l’allarme della Cisl

Cisl-SiciliaC’è a rischio la mobilità dei lavoratori ex Messinambiente. A sollevare il caso sono i segretari provinciale della Fit Cisl Manuela Mistretta, Rosaria Perrone e Letterio D’Amico, che lanciano un allarme all’amministrazione comunale. «A poco più di due mesi dalla cessazione dell’attività della partecipata che oggi si occupa del ciclo dei rifiuti, sul futuro dei dipendenti è calata una preoccupante cappa di silenzio», affermano i tre rappresentanti sindacali. Per la Fit Cisl, l’unica strada percorribile è quella della mobilità. «La procedura di mobilità introdotta dalla riforma della Pubblica Amministrazione, con la legge 124/2015, crea una sorta di stanza di compensazione, in modo che il personale a rischio di esubero e licenziamento di alcune società, possa essere trasferito verso società “sane”. A tal proposito – spiegano i segretari -  le stesse partecipate possono stipulare specifici accordi in tal senso ed inviare poi un’informativa alle rappresentanze sindacali operanti presso le loro sedi. Nei successivi dieci giorni, le società potranno definire il piano di assorbimento delle eccedenze di personale, applicando preventivamente i criteri previsti dall’art. 2, comma 11, lett. a) della L. 135/2012 (prepensionamenti). In subordine, potranno trasferire il personale eccedente verso altre società controllate utilizzando l’istituto della mobilità». Imperativo, per la Fit Cisl, però, è fare presto. «A partire dal primo gennaio – puntualizzano Mistretta, Perrone e D’Amico -  saranno abrogate le liste di mobilità e la relativa indennità, che verrà sostituita dalla NASPI. È auspicabile concludere la procedura di totale dismissione della Messinambiente in tempi utili per l’accesso all’indennità di mobilità, in modo da garantire ai lavoratori che ne potrebbero fruire di poterla effettivamente percepire. Tutto questo – concludono i segretari provinciali della Fit Cisl – nelle more dell’attivazione e conclusione della procedura di assorbimento del personale alla Messina Servizi Bene Comune».