Fondi cultura in Regione Calabria, Spirlì si scaglia contro Oliverio

regione-calabria“E così, dopo la sfortunata storia estiva dei quasi sei milioni di euro, destinati alla Cultura in Calabria e scoriandolati senza un vero criterio, a mo’ di regalia, per ringraziare e tenere caldo l’elettorato rosso e cerchiobottista dell’intera regione, sembra che il cerchietto magico dello shah rosso Oliverio abbia deciso, fra i conforti ovattati della Versailles di Germaneto, più o meno di autofinanziarsi con oltre seicentomila euro pubblici destinati al Teatro. Fosse vero ciò che è riportato in due corposi esposti presentati alla Procura della Repubblica di Catanzaro e all’Autorità Nazionale Anticorruzione, saremmo allo stalinismo puro. Ci auguriamo che le indagini possano essere attente, circostanziate e rapide, e che, se si trovassero dei reati con relativi colpevoli, questi ultimi possano conoscere le stanze più umide e meno comode delle patrie galere. Con la Cultura si mangia, è vero, ma a farlo devono essere le nobili e onorate Famiglie degli Artisti e degli Addetti ai lavori, i quali, da sempre, onestamente e con grandi stenti, provvedono alla diffusione della Storia, dell’Arte, della Cultura e dell’Identità Italiana nel mondo; non certo i politicanti da corridoio e i loro tristi e infami galoppini”. E’ quanto dichiara Nino Spirlì, Direttore del canale tv SUD 656 e Coordinatore del Dipartimento Regionale Cultura e Identità di Fratelli d’Italia AN