Cittanova (Rc), Leo Club ambasciatore della cultura

20161031_a-cittanova-leo-club-ambasciatore-della-cultura_01Venerdì 28 ottobre 2016, alle ore 9:30 presso la biblioteca comunale di Cittanova (RC), è stato presentato il libro dello scrittore calabrese Franco Ciancio dal titolo “Stin nel mondo di Arlok.” L’evento è stato promosso dal Leo Club Polistena “Brutium” con la partecipazione degli studenti del Liceo Classico e Artistico “V. Gerace” di Cittanova (RC), che hanno partecipato in tanti alla presentazione. Durante il convegno, sono intervenuti Giuseppe Pronestì, presidente del Leo Club Polistena “Brutium”, il quale ha introdotto l’evento concentrandosi sull’importanza della cultura in un’età molto particolare quale quella adolescenziale. A seguire, l’intervento della referente Area Sud per il progetto “CulturaLeo” nonché socio del Leo Club Reggio Calabria Host, Eleonora Romeo, che ha spiegato le finalità del progetto e l’obiettivo di coinvolgere in esso più scuole superiori possibili. Poi, parte focale del convegno, il momento degli interventi di Maurizio Bonanno, giornalista, sociologo ed editore de “Il Cristallo” e dell’autore del libro, Franco Ciancio, che hanno approfondito nello specifico il tema del testo, il quale racconta le storie del giovane Stin, un ragazzo che attraversa tutte le difficoltà tipiche dell’adolescenza e le supera grazie all’amore nei confronti di una ragazza dal nome Laura. Nel voler trasmettere il messaggio che il libro vuole dare ai suoi lettori, Ciancio afferma: “il tormento di Stin è quello tipico di un animo inquieto perché è alla ricerca di qualcosa. ‘Teenager’ lontano dai modelli razionali e schematici perché sin da fanciullo inizia a ricercare la libertà, Stin vede una realtà soffocata ed è proprio questo che lo porta in un percorso di grande cambiamento introspettivo. Qui, finalmente, raggiunge Arlok che rappresenta un mondo dove non esistono maschere nella società, ed è qui che riesce a vivere tranquillo, in un mondo che gli ha permesso di ritrovare la libertà”. A moderare l’intero evento e a trarre le conclusioni, Carmelo Milicia, membro del Leo Club Polistena “Brutium”, che ha incentrato il suo intervento sull’importanza delle nuove generazioni, prima riportando molto spesso vengano accusate di essere formate da soggetti frivoli, passivi e distaccati dalla società, ma concludendo come queste in realtà non siano altro che falsità e sottolineando come i giovani abbiano una grandissima responsabilità: quello di riuscire dove coloro prima di noi hanno fallito.

Michele Bianchi