Catania, dirottavano pazienti in dialisi da strutture pubbliche a private. Crocetta: “non è nuovo il nome di Francesco Messina Denaro”

Rosario CrocettaPer me non e’ un nome nuovo quello di Francesco Messina Denaro e nemmeno quello della ‘Diaverum‘”. Lo da detto a Catania il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta, in merito all’operazione della Guardia di finanza che ha scoperto un giro di mazzette per dirottare i pazienti dializzati dalle strutture pubbliche a quelle private. “Due anni fa siamo andati in Procura a Palermo - ha aggiunto -perche’ ci chiedevamo se ci fossero delle relazioni con Matteo Messina Denaro. Abbiamo saputo che era un parente e abbiamo posto la questione se in questa societa’ ci potessero essere infiltrazioni di natura mafiosa. I fatti di oggi certificano comportamenti molto gravi perche’ si parla di associazione a delinquere, si parla di meccanismi truccati con la complicita’ del personale ospedaliero. Questi comportamenti non possono non coinvolgere la struttura e non possono non essere considerati devianti rispetto alla struttura“.