Boldrini in Calabria: “I centri antiviolenza chiudono per mancanza di fondi”

Il presidente della Camera Laura Boldrini, si è recata oggi in Calabria, presso L’Università della Calabria, per partecipare al convegno sul tema “Donne, Mezzogiorno, Europa”

boldrini1Si è svolto a Rende (CS), presso L’Università della Calabria il convegno sul tema “Donne, Mezzogiorno, Europa” che ha visto la partecipazione del presidente della Camera Laura Boldrini, che circa la violenza sulle donne è cosi intervenuta: “Se le lasciamo sole, le donne non possono farcela. Una donna che non lavora ha più difficoltà a lasciare il contesto in cui la violenza si e’ sviluppata. Soprattutto se le case rifugio e i centri antiviolenza chiudono”. “Il Centro antiviolenza Roberta Lanzino - ha proseguito - ha difficoltà ed altri centri in questa regione hanno chiuso per mancanza di fondi, perchè i fondi stanziati non sono arrivati a causa di un poco efficiente sistema di ripartizione. La ministra Boschi, in audizione alla Camera, ha spiegato che sta lavorando per meglio distribuire le risorse. Ma qui in Calabria avete una legge sui centri antiviolenza e le case rifugio che è del 2007, ben prima della Convenzione di Istanbul. Riuscire a finanziarla, tra le mille difficoltà  di questa terra, che di certo non ignoro, sarebbe un segnale importante”.