Arresto boss Pelle, “ConDivisa” e “AmmazzateciTutti”: “plauso alla Polizia di Stato, ogni giorno, complicate attività di indagine ed arresti eccellenti”

staropoli“Il nostro plauso ai Poliziotti della Squadra Mobile di Reggio Calabria, del Servizio Centrale Operativo e del Servizio di Polizia Scientifica di Roma che stamane hanno arrestato Antonio Pelle, alias “La Mamma”, capo indiscusso della cosca denominata “Pelle Vancheddu” di San Luca (RC)”, dichiarano in una nota congiunta Lia Staropoli, Presidente di “ConDivisa” e Aldo Pecora, Presidente di “AmmazzateciTutti”, le due associazioni che “si propongono, peraltro, di contrastare il consenso sociale, promuovendo i valori etici che rappresentano gli uomini e le donne delle Forze dell’Ordine, Antonio Pelle -continua la nota- latitante dal 2011 ed inserito nell’elenco dei 100 latitanti più pericolosi, stilato dal Ministero dell’Interno. Il boss è tra i mandanti di molti agguati che si susseguono nella faida che, ormai dal 1991 insanguina San Luca e che vede contrapporsi le cosche Vottari “frunzu”, Pelle “vancheddu”, Romeo “stacchi” da un lato, e Strangio “janchi” e Nirta “versu”, dall’altro. La celebre faida ha insanguinato anche le strade della Germania con la strage di Duisburg, il giorno di ferragosto del 2007 in cui furono uccisi sei presunti affiliati della cosca PELLE-VOTTARI. Ancora una volta, conclude la nota, il nostro ringraziamento agli uomini e alle donne della Polizia di Stato che con spirito di sacrificio, dedizione e non pochi rischi, portano a termine, ogni giorno, complicate attività di indagine ed arresti eccellenti”.