Ance Messina: ecco le prime decisioni del nuovo Consiglio Direttivo

ance-messinaIl nuovo Consiglio Direttivo dell’Ance Messina, eletto nell’Assemblea dello scorso 16 Settembre, si è riunito per la prima volta nella sede di Via Santa Maria Alemanna, affrontando alcuni argomenti importanti per la vita dell’Associazione che rappresenta la categoria degli imprenditori edili messinesi. In primo luogo, il Presidente Giuseppe Ricciardello ha sottolineato la massima attenzione dei costruttori riguardo alle recenti firme del “Patto per Messina” e del “Patto per la Sicilia”, poiché avviano un percorso che, ci si augura, porti presto alla realizzazione di investimenti cospicui per le infrastrutture e per lo sviluppo sostenibile dell’intero territorio provinciale. Tutti i consiglieri, all’unanimità, hanno, però, espresso rammarico per la mancata presenza delle forze imprenditoriali messinesi in occasione della sigla del Patto per Messina, avvenuta sabato scorso senza che l’Ance Messina o Confindustria o altre associazioni dei settori produttivi provinciali fossero state invitate. I costruttori messinesi, aldilà dell’episodio spiacevole, evidenziato senza alcun spirito polemico, si impegneranno comunque a dare il proprio contributo affinché, finalmente, tanti progetti finora rimasti solo sulla carta ed inseriti nel corposo elenco degli interventi programmati dai patti del Masterplan per il Mezzogiorno nella nostra provincia, vengano realizzati, dando respiro all’economia e consentendo di colmare l’arretratezza infrastrutturale ed anche produttiva dei territori nei quali vivono ed operano. Il Consiglio Direttivo dell’Ance Messina ha anche proceduto al rinnovo delle rappresentanze datoriali all’interno degli Enti Paritetici provinciali, strumento indispensabile per l’efficienza del sistema edile di assistenza, previdenza, formazione e diffusione della cultura della sicurezza per le imprese e per i lavoratori del settore. La fase di riorganizzazione degli enti paritetici nella quale si sono impegnate le parti sociali dell’edilizia a livello nazionale, richiede un impegno supplementare da parte delle componenti coinvolte e, per questo motivo, occorre che i datori di lavoro, proprietari in misura paritaria con le organizzazioni sindacali dei lavoratori di Cassa Edile, Scuola Edile e Cpt-Ente Sicurezza, diano prova di compattezza anche nella gestione degli enti paritetici. Il rinnovo delle Presidenze e degli organi di gestione è quindi stato improntato all’indicazione di imprenditori impegnati in prima linea con le loro aziende e all’interno dell’Ance Messina, operando in continuità con coloro i quali hanno svolto questo compito in modo egregio nel recente passato. Alla Presidenza della Cassa Edile Giuseppe Ricciardello prende il posto di Giuseppe Lupò, mentre Gaetano Mancuso resta al vertice dell’Ente Scuola Edile e Franco Musumeci viene nominato come Presidente del CPT-Ente Sicurezza, avvicendando Carmelo Gangemi. I tre imprenditori opereranno nei comitati di presidenza di ciascun ente con i loro vice, rappresentanti dei tre sindacati di categoria, ed insieme agli organi direttivi, con l’obiettivo di gestire questo periodo di profonda crisi del settore edile, razionalizzando le risorse del sistema edile, per fornire un servizio di sempre maggiore qualità alle imprese ed ai lavoratori delle costruzioni.