Alle Isole Eolie full immersion di quattro giorni per un’introduzione al vino

Anche quest' anno si rinnova la tradizionale raccolta dell'uva dai vitigni coltivati all' interno dell'area archeologica di Pompei, 31 ottobre 2013. Il vigneto riproduce quello esistente nello stesso luogo del 79 d.C. I vitigni sono collocati, sulla base degli studi del Laboratorio di ricerche applicate, accanto ai calchi delle antiche radici e vengono coltivati secondo le tecniche di quel tempo. Il vino oggi è imbottigliato con il nome Villa dei Misteri. ANSA/CESARE ABBATEDa martedì 17 ottobre, alle Eolie, full immersion di quattro giorni per un’introduzione al vino e un approfondimento dei suoi molteplici abbinamenti col cibo. Si tratta di un’iniziativa organizzata da Federalberghi Isole Eolie attraverso il Fondo EAP Fonarcom. Al corso parteciperanno gratuitamente gli associati a Federalberghi e quanti sono già iscritti al fondo o abbiano già deciso di formalizzarne l’adesione. Il “Corso di introduzione al vino e approfondimento dei suoi abbinamenti col cibo” permetterà di trattare argomenti quali: il metodo charmat e il metodo champenois, come riconoscere un vino dal suo contenitore, le diverse tipologie di bottiglie, i vitigni autoctoni e alloctoni e gli abbinamenti vino-cibo. Negli ultimi anni, ha dichiarato Christian Del Bono – presidente di Federalberghi Isole Eolie – diverse nostre strutture hanno investito nell’enogastronomia, rendendola vero e proprio valore aggiunto ed elemento di attrazione dell’offerta. Nelle proposte di menu sempre più attenti e spesso a chilometro zero, l’abbinamento cibo-vino diventa fondamentale per esaltare la cucina dei nostri chef che in alcuni casi sono addirittura stellati.