Aeroporti Calabria, Enac: restano in pista le offerte presentate per la gestione degli scali di Reggio e Crotone

Questa mattina a Roma, nella sede dell’Enac, si è svolta la prima seduta di gara per valutare le offerte di Sacal, Sagas, gruppo iGreco e Aeroporti di Roma per la gestione del Sant’Anna di Crotone e il Minniti di Reggio Calabria

Airsud aereo voloRestano tutte in pista le quattro offerte presentate per la gestione trentennale degli aeroporti di Crotone e Reggio Calabria. Questa mattina, a Roma, nella sede dell’Enac, è andata in scena la prima seduta pubblica di gara che doveva valutare la compatibilità delle offerte pervenute. Tutte e quattro le compagini in campo – Sacal, Sagas, gruppo iGreco e Aeroporti di Roma attraverso il fondo Atlantia – possono continuare, dunque, a nutrire speranze. In attesa di capire quale sarà l’offerta giudicata vincente, resta da capire l’esito del ricorso presentato da Sagas, società che finora ha gestito lo scalo Sant’Anna di Crotone, contro il bando Enac. La discussione davanti al Tar è in calendario per mercoledi’ 26 ottobre. Nel mirino c’e’ la previsione di dare “preferenza al concorrente che abbia presentato offerta per entrambi i lotti (in questo caso Crotone e Reggio Calabria, ndr), anche se l’offerta per ciascun lotto ha ottenuto un punteggio inferiore a quello attribuito ad altri concorrenti, purche’ entrambe le offerte risultino idonee e convenienti in relazione all’oggetto della concessione“. Un’opzione che potrebbe favorire Sacal, società  che ha in mano da anni l’aeroporto di Lamezia Terme, di cui la Regione Calabria detiene alcune quote, e Atlantia, che hanno presentato un’offerta articolata per estendere il controllo anche su Crotone e Reggio Calabria. Quelle formulate da Sagas (in questa società la Regione Calabria detiene oltre il 35% delle quote) e dal gruppo iGreco riguardano, invece, solo lo scalo pitagorico Sant’Anna.