A Taormina il reparto di cardiochirurgia pediatrica

cardiochirurgia

Il Partito Repubblicano Italiano da anni sostiene che la nascita delle Città metropolitane di Reggio Calabria e Messina, rappresenta il trampolino di lancio per la concretizzazione di una vasta Area Metropolitana dello Stretto:  un’ unica comunità, omogenea, all’interno della quale si sviluppi un sistema integrato ed efficiente di servizi quali Università, Trasporti, Turismo, Sanità, ecc. Da una nota apparsa sulla Gazzetta del Sud, edizione di Messina, di mercoledì  u.s., apprendiamo che il Governatore Rosario Crocetta ha fatto delle importanti dichiarazioni sul destino del reparto di cardiochirurgia pediatrica di Taormina:  «Incontreremo al più presto i rappresentanti della Giunta regionale della Calabria e intendiamo sottoporre loro la proposta di firmare insieme un protocollo d’intesa per una struttura d’eccellenza da portare avanti di comune accordo e la cui sede sarebbe a Taormina». Sembra che, finalmente, le battaglie portate avanti dal Comitato genitori dei bambini ricoverati e in cura al CPM di Taormina abbiano portato i primi risultati.

La Sicilia potrà avere due centri, uno per la zona occidentale e l’altro per l’area orientale come più volte sollecitato dai genitori e dalla loro battagliera portavoce, la Signora Caterina Rizzo. Un accordo di programma tra le Regioni Sicilia e Calabria porterebbe al comune utilizzo del già affermato centro specializzato di cardiologia infantile dell’Ospedale S. Vincenzo di Taormina, ampiamente in linea con i parametri della legge Balduzzi. D’altronde il Centro è già un punto di riferimento per l’utenza proveniente dalla Calabria. I repubblicani condividono l’iniziativa. Per concretizzare nei fatti un’effettiva integrazione delle due Città metropolitane dello stretto bisogna condividere i servizi più importanti, tutelando e difendendo come in questo caso interessi comuni. La Signora Rizzo chiede, e noi con lei, che le promesse si trasformino in atti ma, l’esperienza passata e anche quella più recente, induce i repubblicani a dubitare degli impegni presi da quei politici che pensano tanto alla prossima campagna elettorale, molto meno ai bisogni dei cittadini. Sono prossime le elezioni regionali in Sicilia e molto probabilmente in Calabria. Vorremmo non dubitare delle parole del Governatore della Sicilia ma ci vien difficile quando leggiamo di sue precedenti dichiarazioni: «La Cardiochirurgia pediatrica è stata rubata a Palermo. Stiamo lavorando per riportarla in città». I repubblicani ci sono e lavoreranno per un futuro che garantisca il diritto alla salute ed eviti i viaggi della speranza. Un plauso alla Signora Rizzo, che speriamo di poter estendere a quanti saranno con noi a sostenere questo progetto.