Villa San Giovanni: dura lettera del Presidente Salvatore Versace sulle condizioni della squadra basket

A Villa San Giovanni, il 1 settembre si è radunata la formazione di basket per l’inizio dell’attività della stagione

canestro basketIl 1° settembre, si è radunata la formazione Villese per l’inizio dell’attività riguardante la stagione 2016/2017. Abbiamo raccolto una dichiarazione del Presidente Salvatore Versace. “Ancora una volta siamo a raccontarvi dell’inizio della nostra attività, e, come ogni anno dobbiamo barcamenarci in mezzo a tanti problemi. Difficoltà economiche, ma soprattutto logistiche, anche questa stagione non ci hanno permesso di programmare per il meglio. Per l’ennesima volta dovremo disputare ( 7° anno) le partite casalinghe lontano da Villa San Giovanni. Tutto ciò tra l’indifferenza totale delle varie fazioni politiche del territorio , aspettiamo ormai da giugno 2013 la consegna di un nuovo impianto finanziato dal Ministero degli Interni in collaborazione con il CONI. Ma ad oggi si sono perse le tracce del tutto. Con enorme rammarico prendiamo atto della scarsa attenzione e, assistiamo inermi al più classico degli scarica barile tra i partiti di maggioranza e minoranza, con lo pseudo controllo da parte di una associazione preposta e incaricata dalla vecchia amministrazione. Adesso si è aggiunta una nuova difficoltà: infatti da riunioni tenute per la divisione degli orari siamo stati considerati al di sotto di altre associazioni sportive del territorio. E dire che per noi parlano i 22 anni ininterrotti di affiliazione e partecipazione ai campionati F.I.P. e ottimi risultati sportivi ottenuti. Partecipiamo infatti da 15 al massimo campionato maschile regionale, abbiamo nella nostra storia 2 finali promozioni, 1 semifinale e addirittura una vittoria del massimo campionato stesso. Ma, come dicevamo, anche per la mancanza di struttura e di aiuti economici, abbiamo dovuto rinunciare. Oggi ci scontriamo con persone che non sanno cosa vuol dire tutto questo, non avendo mai fatto o praticato sport . Ricoprendo  incarichi istituzionali, ripeto, non sanno come creare un criterio di merito. Infatti sono state accolte realtà non villesi, o quasi obbligo di trovare spazio a non meglio identificati , senza avere possibilità di conoscere a che società sportive sono appartenenti. Continuando a subire oltre l’ormai perenne esilio, adesso ci vediamo costretti a ridurre le nostre attività. Non nascondo che ci è venuta davvero voglia di mollare e chiudere. Ma dopo qualche giorno di incazzatura , ci siamo guardati in faccia con gli altri dirigenti e abbiamo deciso che non era immaginabile gettare alle ortiche tutto il nostro lavoro per colpa di gente impreparata o incapace. Ripeto “tutto questo nell’indifferenza generale”. Noi comunque continueremo a portare in giro per la regione il nome della nostra città e questo nessuno potrà togliercelo. Con l’occasione vi invitiamo numerosi a seguire le nostre gare interne nell’impianto di Archi. IN BOCCA AL LUPO E BUON LAVORO A TUTTI!!!”