Terrorismo, fermati due imam a Tunisi: emergerebbero incitazioni a uccidere poliziotti

Lapresse / Scanpix

Lapresse / Scanpix

Le forze dell’ordine tunisine hanno arrestato due imam delle moschee di Mourouj II e Ezzahra, nei dintorni di Tunisi, oltre ad altre cinque persone, con l’accusa di coinvolgimento in attività terroristiche. Sequestrati computer e documenti dai quali emergerebbero incitazioni a uccidere soldati ed agenti di polizia. Lo rivelano i media locali citando fonti della sicurezza.