Terremoto: trovato l’ultimo cadavere sotto le macerie, i morti sono 296

Terremoti: sale drammaticamente il bilancio delle vittime, 296 morti accertati

LaPresse/Vincenzo Livieri

LaPresse/Vincenzo Livieri

Terremoto-A dieci giorni dal devastante terremoto del 24 agosto nel centro Italia, non si ferma lo sciame sismico nella zona appenninica compresa tra Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo. La notte scorsa e per tutta la giornata i sismografi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia hanno registrato decine di scosse con magnitudo mai superiore a 2.9, ma comunque percepibili tra la popolazione già provata dall’emergenza e dall’attesa di sapere cosa accadrà nei prossimi giorni. Dall’inizio dello sciame sismico sono state registrate oltre 5mila scosse: 158 i terremoti di magnitudo compresa tra 3.0 e 4.0, 15 quelli localizzati di magnitudo compresa tra 4.0 e 5.0 ed uno di magnitudo maggiore di 5.0 (quello di magnitudo 5.4 (Mw 5.3) avvenuto il 24 agosto alle ore 04:33 italiane nella zona di Norcia (PG).

IL CORPO DI SAYED

Il bilancio delle vittime sale a 296. E’ stato individuato, infatti, dai vigili del fuoco il corpo di Sayed, il rifugiato afghano rimasto sepolto sotto le macerie della sua casa ad Amatrice. In serata è stato approntato il cantiere per il recupero della salma ma i tecnici precisano che si tratta di un’operazione complessa perché quello che resta della casa è franato. Nella giornata di oggi, inoltre, sono state chiuse ufficialmente dai vigili del fuoco le ricerche tra le macerie dell’hotel Roma in quanto non risultano altri corpi da cercare.