Siderno (Rc), Isola Ecologica: “le polemiche stanno a zero”

21_9-isola-ecologicaIn merito alle recenti polemiche riguardanti il Centro Comunale di Raccolta (comunemente denominato Isola Ecologica) di Siderno sito in zona ex depuratore, l’Amministrazione intende fornire alcune precisazioni. È nel dicembre 2011 che arriva il Sì della Regione per la realizzazione del C.C.R., che con apposito decreto approva un finanziamento di 165.000 euro. L’impresa che si aggiudica in via definitiva l’appalto per la realizzazione del C.C.R. rileva la non congruità dei prezzi alla natura dei lavori. La Regione, di fronte a questa inerzia, revoca i finanziamenti. L’attuale amministrazione comunale riesce a riottenere i finanziamenti (185.000 euro) e, sulla base della determinazione del 18 gennaio scorso, viene stipulato il contratto di appalto per la realizzazione dell’isola ecologica così come indicato dalla Regione. Al momento il C.C.R. può essere utilizzato solo per fini interni dal Comune e dalla società Locride Ambiente, in quanto non è stata ancora predisposta l’apertura al pubblico. A breve si provvederà con un nuovo atto a determinarne l’attivazione, specificandone i tempi e le modalità e indicandone il personale addetto alla gestione. Sfalci e potature, derivati dalla recente pulizia dei cortili scolastici cittadini, che attualmente si trovano all’interno del C.C.R, saranno presto trasferiti agli impianti di trattamento e recupero. Nel frattempo si sta provvedendo alla realizzazione della copertura per i rifiuti urbani pericolosi (farmaci scaduti, pile, vernici) e all’attivazione di un pozzo preesistente per ottenere l’acqua utile al lavaggio dell’area. Si sta procedendo, inoltre, all’accreditamento del C.C.R. con il Centro di Coordinamento RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche). Entrando in questo circuito sarà possibile ricevere gratuitamente 5 cassoni scarabilli, uno per ogni tipologia di RAEE, e usufruire gratuitamente del servizio di ritiro dei cassoni. Pertanto il servizio di raccolta degli elettrodomestici, che fino ad oggi ha comportato delle spese, sarà a costo zero. Inoltre, nel caso in cui si estendesse il circuito RAEE anche a conferimenti per utenze commerciali, il servizio sarà fornito dietro pagamento con beneficio per le casse comunali.