Santa Teresa di Riva: gli chiede l’aumento del fitto tentando di colpirlo con un’ascia ma finisce in manette

lo-re-onofrioI Carabinieri della Stazione di Santa Teresa di Riva hanno tratto in arresto un pregiudicato cinquantenne di Santa Teresa per tentata estorsione e tentato omicidio. I militari sono stati allertati da un affittuario di un esercizio commerciale che si è visto chiedere dal figlio del proprietario dello stabile un aumento in nero del fitto di locazione. Al diniego da parte della vittima, l’aggressore si è munito di un’ascia ed ha inseguito all’interno del locale la vittima. Il malcapitato è stato costretto a rinchiudersi a chiave all’interno di una stanza. Ma non è bastato. Il malfattore brandendo l’arma bianca colpiva più volte la porta in legno e sfondando una vetrata cercava di raggiungere il gestore del locale  che con poche difficoltà riusciva a mettersi in contatto con la locale Centrale Operativa della Compagnia di Taormina. I militari intervenuti in massa sul luogo oggetto dell’aggressione, anche grazie all’ausilio dei militari della Stazione di Limina e di quelli del Nucleo Radiomobile di Compagnia, fermavano LO RE Onofrio, 51enne pregiudicato di Santa Teresa di Riva, che alla vista dei militari tentava invano di darsi alla fuga; lo stesso veniva tratto in arresto proprio sull’uscio di casa usa.  Espletate le formalità di rito l’arrestato è stato condotto presso la Casa Circondariale “Gazzi” di Messina a disposizione dell’Autorità Giudiziaria ed in attesa del giudizio di convalida.