San Roberto, il messaggio del Sindaco per il nuovo anno scolastico

scuolabus“Questo primo suono della campanella mi spinge a scrivere alle famiglie, agli insegnanti, al personale, ai dirigenti, ma soprattutto agli alunni. È a loro che va il mio pensiero affinché attraverso lo studio possano accrescere il loro bagaglio culturale e nel contempo scoprire il senso della memoria, riscoprire l’importanza della loro identità, delle loro radici. Su quei banchi su cui siedono avranno l’opportunità di crescere, di conoscere, di sapere, ma soprattutto di diventare i cittadini del futuro, qui impareranno i loro diritti e i loro doveri, formeranno la loro coscienza civica”. Lo scrive il Sindaco di San Roberto, Roberto Vizzari, in una lettera aperta, a poche ore dall’inizio della scuola. “Negli anni trascorsi a scuola – continua – oltre a formarsi culturalmente, i nostri ragazzi dovranno imparare a sognare e poi a costruire un mondo migliore, affiancati dalle loro famiglie e dagli insegnanti che nella formazione dei nostri figli svolgono un ruolo fondamentale. Conosciamo i grandi sacrifici che compiono le famiglie, i docenti e tutto il personale per rendere le nostre scuole, scuole aperte e vive. Scuole in cui valorizzare le capacità di ogni ragazzo e trasformarle in competenze che verranno utilizzate nel corso della vita. Nello specifico un grosso ringraziamento ed un saluto – afferma ancora il Sindaco – lo rivolgo alla ex dirigente Antonina Marra, con l’augurio di nuove e sempre più importanti soddisfazioni personali. Al contempo diamo un caloroso benvenuto alla nuova Dirigente, Maria Rosa Monterosso. Sarà lei da oggi alla guida dell’agenzia di formazione più importante per il futuro e la crescita della nostra comunità. I nostri uffici sanno l’attenzione che sempre abbiamo voluto riservare alla scuola e alle esigenze del corpo docenti e degli studenti, ci sarà quindi una stretta collaborazione per quanto riguarda le politiche educative in modo da incentivare ancor di più l’interconnessione dell’istituto scolastico con il territorio”. “Non mi resta – conclude – che augurare buon anno scolastico e buon lavoro a tutti con l’obiettivo di superare insieme gli ostacoli e raccogliere le sfide che il futuro ci riserva”.