Regione Calabria, approvate le linee guida del fondo destinato alla non autosufficienza per le disabilità gravissime

germaneto cittadella regione calabriaLa Giunta, nella riunione di oggi, su proposta dell’Assessore alle Politiche sociali Federica Roccisano ha Regionale di oggi ha deliberato le linee guida operative per le disabilità gravissime, per le quali era già stato riservato il 40%  (4.800.000,00) del Fondo per la non autosufficienza. Le linee guida prevedono di assegnare tale quota – informa una nota dell’Ufficio stampa – alle Aziende Sanitarie della Calabria per le seguenti finalità:  supporto alla persona con disabilità gravissima e alla sua famiglia attraverso l’incremento dell’assistenza domiciliare integrata socio-sanitaria;  supporto alla persona con disabilità gravissima mediante trasferimenti monetari, nella misura in cui gli stessi siano condizionati all’acquisto di servizi di cura e assistenza domiciliari o alla fornitura diretta degli stessi da parte dei familiari (#caregiver) e vicinato sulla base di piani personalizzati di assistenza. L’utenza è così individuata: persone in condizioni di dipendenza vitale che necessitano a domicilio di assistenza continuativa e monitoraggio di carattere socio sanitario nelle 24h, per bisogni complessi derivanti delle gravi condizioni psico-fisiche, con la compromissione delle funzioni vitali, privi di autonomia motoria e/o comunque bisognosi di assistenza vigile da parte di terza persona. “È questa – ha detto l’Assessore Roccisano – una risposta concreta ai tanti disabili ed alle loro famiglie, che molte volte trovano difficoltà. Insieme alle associazioni AISLA, AISM e FISH ed al Dipartimento per la”Tutela della salute” abbiamo definito le modalità di individuazione degli interventi e le modalità di accesso. L’accesso alla cura e all’assistenza è per noi un diritto che deve essere tutelato per un miglioramento della qualità della vita dei disabili e anche delle loro famiglie. In questo senso lavoreremo per garantire equità e giustizia per tutti i disabili calabresi”.