Reggio Calabria ospita il XIX Meeting Nazionale dei Gruppi Archeologici del Dopolavoro Ferroviario

manifesto-1-dlf-archReggio Calabria ospiterà, dal 29 settembre al 2 ottobre prossimi, il XIX Meeting Nazionale dei Gruppi Archeologici dei DLF d’Italia, che ogni anno si svolge in una località diversa, sede di Dopolavoro. Un’edizione che ripropone, dopo 14 anni, l’appuntamento con la città dello Stretto, per far conoscere ai partecipanti, provenienti da tutta Italia, i luoghi e la storia della civiltà magnogreca, e far scoprire loro non solo la bellezza dei Bronzi di Riace, ma anche la vasta esposizione di reperti provenienti da tutto il territorio calabrese, ospitati nel rinnovato Museo Archeologico. Il programma del Meeting è stato presentato, nel corso di una conferenza stampa, dai responsabili del Dopolavoro Ferroviario di Reggio Calabria, tenuta presso la sede dell’associazione. Il programma prevede: giovedì 29, un tour della città di tutti i partecipanti, con visita alla Pinacoteca Comunale, al Teatro Cilea, Duomo e Museo Diocesano, Castello e Palazzo della Cultura. Venerdi 30 settembre: al mattino incontro dei Gruppi per le relazioni annuali del lavoro svolto; il pomeriggio vi sarà la visita al Museo Nazionale della Magna Grecia. Alle   17.30, nella Piazza Paolo Orsi, all’interno del Museo, un breve incontro con le Autorità cittadine e con il Vice Presidente Nazionale dei Dopolavoro Ferroviario, per i saluti istituzionali; seguirà un incontro con gli esperti del Museo e il Presidente del Consorzio del Bergamotto, per fare il punto sul turismo e le eccellenze del nostro territorio. L’incontro sarà pubblico e prevede anche la partecipazione delle altre Associazioni presenti sul territorio reggino. In occasione dell’evento, Poste Italiane ha predisposto un annullo filatelico, che sarà disponibile in uno stand allestito all’interno del Museo. Sabato 1 ottobre, gli ospiti visiteranno il Tempio di Kaulon a Monasterace, il Museo di Locri, la cittadina di Gerace ed le Ville Romane di Contrada Palazzi di Casignana, con i suoi mosaici recuperati dalle recenti campagne di scavi. A ricordo dell’evento sono stati creati, dall’artista reggina Mattia Tiziana Sorgonà, dei vassoi in terracotta che riproducono immagini, segni e colori della civiltà Magnogreca; pezzi unici realizzati a mano, che verranno donati ai partecipanti del meeting, perché rimanga loro un segno tangibile del soggiorno nella Città Metropolitana di Reggio Calabria. Saranno inoltre donati opuscoli illustrativi della città e della Provincia, offerti dall’ufficio provinciale alla Cultura e al Turismo; e un libro sulla storia di San Francesco, concesso dal Consiglio Regionale della Calabria,  Ma i partecipanti al meeting porteranno via anche il profumo unico della nostra terra: quello del bergamotto, racchiuso in un flacone di olio essenziale, accompagnato da un opuscolo informativo, offerti dal Consorzio del Bergamotto; inoltre, una confezione di dolci tipici, sempre al bergamotto, realizzati dalla Pasticceria Fragomeni.