Reggio Calabria: grande successo per l’incontro “Referendum Costituzionale: Cosa cambia?”

A Reggio Calabria è stato un grande successo l’incontro “Referendum Costituzionale: Cosa cambia?”

referendumVenerdì 16 settembre presso il saloncino “Emiliano Vecchietti” della Parrocchia Santa Maria della Candelora di Reggio Calabria si è tenuto l’incontro dal titolo “Referendum Costituzionale: Cosa cambia?”. L’evento è stato promosso dal gruppo “Laboratorio di politica” della Parrocchia ed è stato tenuto dal Prof. Antonino Spadaro, ordinario di diritto costituzionale dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria. Obiettivo principale dell’incontro è stato quella di trasmettere alla cittadinanza gli elementi per maturare consapevolmente la scelta di voto, con cui si confermerà o respingerà il nuovo testo costituzionale. “Che sia un sì o che sia un no, entrambe le scelte sono rispettabilissime, purché ragionate” ha ricordato il prof. Spadaro durante l’incontro, dopo aver delineato le novità della riforma, in termini di vantaggi, difetti e difetti apparenti, che sono stati individuati secondo un approcci tecnico e a-partitico. Per questa ragione, sono stati tanti i temi toccati tra cui: il ruolo del nuovo Senato, il destino della legge elettorale, il nuovo ruolo delle regioni ed il rafforzamento dell’esecutivo, che si creerebbe con il nuovo sistema. Alla relazione è seguito un dibattito, cittadini e studenti sono intervenuti, esternando i loro dubbi nel merito, le loro considerazioni, attraverso un approccio critico. L’incontro si è concluso con i saluti di don Luigi Cannizzo, parroco della Candelora. “E’ dovere di buoni cristiani informarsi e partecipare attivamente alla vita sociale come cittadini. Questo è in fondo il messaggio della dottrina sociale della Chiesa”, sottolinea il padrone di casa, facendo menzione dei lavori del Concilio Vaticano II. L’evento ha ufficialmente aperto il ciclo di incontri in cui lo stesso si inserisce. Pertanto, seguirà una seconda iniziativa e sarà incentrata sempre sul referendum costituzionale, in cui i cittadini si confronteranno direttamente con i politici, esponenti del comitato del sì e del comitato del no. Secondo la attuale programmazione, il secondo evento si svolgerà a fine ottobre. Se ne darà comunicazione alla cittadinanza attraverso il sito ufficiale della Parrocchia della Candelora ed i media locali.