Reggio Calabria, caso Spanò Bolani: “aumenta la protesta, famiglie nel caos”

spanò bolani scuola media“Le proteste non cessano. Alla protesta dei genitori delle terze classi che hanno iniziato l’anno scolastico con i turni pomeridiani, si aggiunge quella dei genitori delle sezioni L e N ubicate presso l’Istituto Frangipane i quali hanno fatto disertare ai propri figli il primo giorno di scuola”. Lo affermano in una nota i genitori dei ragazzi che frequentano la scuola media Spanò Bolani di Reggio Calabria.

“Le classi che fino allo scorso anno scolastico hanno svolto regolarmente le lezioni sono state trasferite allo Spanò Bolani per restituire alla scuola primaria i locali occupati. In questo gioco ad incastro di iscrizioni e allocazioni a farne le spese sono i ragazzi e le famiglie: alle 160 del Frangipane  se ne aggiungono altrettante dello Spanò Bolani. Sono infatti per il momento interessati alla turnazione pomeridiana le terze classi delle sezioni A  B C D F. Alcuni genitori di questi ultimi hanno già manifestato preoccupazioni e disagi chiedendo un intervento d’urgenza al Sindaco finalizzato a reperire idonei locali”.

“Voci di corridoio raccontano di un prolungamento della turnazione pomeridiana che interesserà tutte le classi nell’attesa (fiduciosa !?!) che qualcosa accada. Si è inoltre appreso che all’interno di alcune aule del De Amicis potrebbe essere subito operativo un servizio a pagamento per assistere i ragazzi al mattino e accompagnarli allo Spanò Bolani entro le 13 e 15, orario di inizio lezioni. Se ne deduce che vi sono aule disponibili nel plesso e che in una situazione così grave e delicata non vengono utilizzate per far fronte all’emergenza”.

“Alcuni genitori riferiscono che la turnazione pomeridiana si è abbattuta su di loro come un ciclone. I genitori lavoratori fanno ricorso alle ferie per poter vigilare e rendere possibile l’ingresso a scuola alle ore 13 e 15, altri cercano delle baby sitter, altri ancora meditano il trasferimento ad altro istituto. Genitori preoccupati a far quadrare le attività extra scolastiche, le terapie mediche, le scuole di inglese, di danza, il conservatorio”.

“Il dott. Giuseppe Romeo ci ha chiesto dei sacrifici perché siamo una famiglia ma ci ha informati di questa situazione pochi giorni prima che iniziasse la scuola rinviandoci al sig. Sindaco” cosi testimonia una mamma fra le tante presenti davanti ai cancelli dello Spanò Bolani
Sono infatti numerosi i genitori che si sono riuniti spontaneamente all’uscita del turno pomeridiano. “Non permetteremo una doppia turnazione per noi insostenibile. Qualora si verificasse saremo costretti ad adire le vie legali e a trattenere i nostri figli a casa”.