Reggina-Messina 2-0: il “derby al contrario” di Marco Cane, due anni dopo quell’assist al San Filippo…

Reggina, il terzino destro Marco Cane tra i migliori in campo nel Derby: proprio lui che due anni fa indossava la maglia del Messina

Reggina-Messina (20)

L’immagine più bella di Marco Cane è quella del minuto 28 del primo tempo: la Reggina è sbilanciata all’attacco e il Messina fa male in contropiede. Milinkovic può tirare ma vede Pozzebon completamente solo sulla sinistra e lo serve: sembra fatta per il vantaggio degli ospiti ma arriva una freccia amaranto che recupera decine di metri in pochi secondi e riesce a contrastare Pozzebon, evitando il tiro e rifugiandosi in calcio d’angolo. Quella freccia amaranto si chiama Marco di nome e Cane di cognome: è stato tra i migliori in campo nella gara odierna, sicuramente il migliore del reparto difensivo, dopo le prove non convincenti nelle prime uscite stagionali.

Due anni fa, Cane vestiva la maglia del Messina e di Derby dello Stretto ne aveva già vissuti 4 (ma giocato soltanto uno). Infatti non era stato convocato per la gara d’andata del 12 settembre 2014, quando il Messina espugnava il Granillo 0-1 grazie al tacco di Orlando. Invece giocò titolare nel ritorno del San Filippo, la partita del 25 gennaio 2015 finita 4-1 per i peloritani con il selfie di Ciciretti al San Filippo. In quella gara Cane confezionò anche un assist. Invece nelle due partite dello spareggio playout rimase ai margini: due soli minuti in campo nel finale al Granillo, sempre in panchina nel ritorno del 30 maggio al San Filippo.

Oggi il suo “Derby al contrario“: è stato tra i migliori soprattutto per grinta e verve agonistica, grinta e voglia di fare. La Reggina si scopre così con in casa un ottimo Marco Cane.