Ponte sullo Stretto, finalmente Renzi: “può creare 100.000 posti di lavoro e completare l’asse Napoli-Palermo”

Ponte sullo Stretto, Renzi: “”Se siete nella condizione di sbloccare le carte e di sistemare quello che è fermo da 10 anni - ha detto rivolgendosi a Pietro Salini, numero uno del Gruppo - noi ci siamo”

ponte-sullo-stretto-renzi-prima-o-poi-si-fara-1Il Ponte sullo Stretto si fa. Il presidente del consiglio italiano, Matteo Renzi, nel corso dell’assemblea che celebra i 110 anni del gruppo Salini-Impregilo, sembra avere le idee chiare sulla costruzione del Ponte che collegherà Villa San Giovanni e Messina per “togliere la Calabria dall’isolamento e far sì che la Sicilia sia più vicina”.  Il Ponte sullo Stretto di Messina può creare “centomila posti di lavoro”, promette Renzi che ha indicato l’infrastruttura come parte del completamento della “Napoli-Palermo”. “Se siete nella condizione di sbloccare le carte e di sistemare quello che è fermo da 10 anni - ha detto rivolgendosi a Pietro Salini, numero uno del Gruppo – noi ci siamo”. “Quello che chiedo a voi è che, finita la parte delle riforme, si possa tornare a progettare il futuro”, ha aggiunto Renzi. “Bisogna sbloccare i cantieri e serve la banda larga perché la rete di domani non sarà una diga in Italia né l’autostrada del Sole, ma la banda larga, la gigabyte society, la velocità”. “Bisogna poi continuare le grandi opere - aggiungeo – dalla Bari-Lecce alla Napoli-Palermo, con il Ponte sullo Stretto, in un’operazione che sia utile, crei posti di lavoro e ci metta nelle condizioni di togliere l’isolamento della Calabria e avere la Sicilia più vicina”.