Patto per la Sicilia: 414 milioni alle autostrade dal CAS

Patto per la Sicilia: 414 milioni alle autostrade dal CAS, soddisfatto il presidente Rosario Faraci

Lapresse /Emiliano Albens

Lapresse /Emiliano Albens

“Sono particolarmente soddisfatto del Patto per la Sicilia!” Il Governatore Crocetta ha sempre posto la questione autostrade tra i punti centrali della sua pianificazione regionale.
Nel Patto sono stati inseriti sia 124,5 milioni per la <messa in sicurezza della Messina-Palermo e della Messina-Catania> sia 290 milioni di euro per il completamento della Siracusa-Gela. Un riconoscimento che ripaga i sacrifici e le attese, personali e dell’intero CAS!
Infatti, dall’insediamento 2013, il Consiglio Direttivo che presiedo si è mosso su due difficili fronti: da un lato, rimuovere i tanti debiti pregressi e fare fronte ai lavori più urgenti; dall’altro definire, quei grandi progetti indispensabili e necessari per il superamento delle criticità note a tutti della Messina-Palermo e della Messina-Catania.
Contestualmente, il Consiglio – dopo avere avviato i cantieri dei Lotti 6-7-8 della Siracusa-Gela (da Rosolini a Modica) – ha riaperto con decisione il problema del completamento di questa importante autostrada necessaria per lo sviluppo di quella grande area geografica.
Ora – una volta definiti atti, procedure, convenzioni e quant’altro necessario per rendere esecutivi i finanziamenti del Patto per la Sicilia – sarà cura del CAS procedere alla fase applicativa e, quindi, ai relativi appalti. Nel frattempo, si sta operando a tutti i livelli per mettere in atto un unico soggetto preposto alla gestione delle autostrade in Sicilia oggi divise tra ANAS e CAS. Una significativa scelta manageriale, in sostituzione di una superata struttura pubblica per potere agire, con un unico tavolo di regia, interventi veloci, una spesa programmata ed investimenti adeguati, nell’interesse dei Siciliani che hanno il diritto di usufruire di un sistema di trasporti autostradali di livello europeo.