‘Ndrangheta, operazione “Gambling”: arrestato latitante 47enne

‘Ndrangheta, si è costituito uno dei 41 indagati dell’operazione “Gambling” della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria contro il gioco illecito on line controllato dalle cosche

CarabinieriSi è costituito a Venezia Davide Taher, 47enne, uno dei 41 indagati dell’operazione “Gambling” della Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria contro il gioco illecito on line controllato dalla ‘ndrangheta. L’operazione era stata condotta da carabinieri, guardia di finanza, Squadra mobile e dalla Dia di Reggio Calabria assieme al Scico e al nucleo speciale Frodi tecnologiche di Roma. Per la procura reggina Taher è considerato uno dei soci occulti di “Larabet”, la società che serviva da copertura per le giocate verso l’estero. “La difesa avviera’ il ricorso presso il Tribunale del riesame la prossima settimana, nel quale chiederemo gli arresti domiciliari per Taher. Sicuramente si difendera’ dalle accuse nell’ambito del processo e gia’ ha chiarito diverse cose nel suo primo interrogatorio: intanto la sua posizione e’ stata stralciata rispetto a quella degli altri indagati, in attesa di ricevere l’avviso di conclusione delle indagini”, ha detto ad Agipronews il legale di Taher, Luca Cianferoni.