Messina, sit in di protesta dei lavoratori del Teatro Vittorio Emanuele [FOTO]

teatro vittorio emanueleSi è tenuto stamane il sit-in di protesta indetto dalle funzioni pubbliche di  Cgil e Cisl, del personale del Teatro di Messina preoccupati del futuro dell’Ente. I lavoratori hanno manifestato la loro preoccupazione  per quanto sta accadendo al Teatro .La questione non è soltanto quella di riuscire ad approvare  il bilancio di previsione dell’anno 2016, e dell’ammontare dei debiti fuori bilancio ma  il reperimento delle risorse per garantire la programmazione degli spettacoli. Tutti i lavoratori amministrativi , masse artistiche e tecniche  presenti al sit-in hanno detto a chiare lettere che la stagione 2016/2017 non potrà decollare se la regione non provvederà al trasferimento di nuove risorse .Da qui la richiesta dei lavori tutti, dagli amministrativi alle masse artistiche, presenti all’assemblea di chiedere ai Segretari Fp Cgil e Fp Cisl chiede un immediato incontro con l’Assessore Barbagallo , altrimenti non rimarrà altro che suonare  il requiem… ! Ci chiediamo che cosa stia facendo la classe politica della nostra città e anche lo stesso Sindaco – hanno detto  Clara Crocè Segretario Generale della FPCGIL ,Rosa Raffa coordinatrice del comparto regione ,Calogero Emanuele Segretario Generale della  CISL FP – che sembra non avere a cuore le sorti del Teatro. E aumenteranno i  cittadini Messinesi  che frequenteranno i Teatri Catanesi. Ormai è sotto gli occhi di tutti che la gestione del Teatro è fallimentare chiederemo all’Assessore Barbagallo e al Sindaco del Comune di Messina e della Città Metropolitana di azzerare le nomine del Presidente e del CDA.   continuano Crocè e Calogero.   Nel frattempo i tecnici, gli orchestrali e le sarte, che ancora aspettano il pagamento degli stipendi di maggio e giugno ed alcuni anche da più mesi, somme che non si possono corrispondere se non sarà approvato il bilancio di previsione, che si trovano al momento anche senza il sostegno degli ammortizzatori sociali. I lavoratori auspicano che al più presto si possa definire l’approvazione di questo agognato bilancio e che la richiesta dell’invio di nuove risorse da parte dell’amministrazione regionale non cada nel vuoto. Sarebbe l’ennesima sconfitta per la città di Messina la chiusura del Teatro, sia per la perdita di posti di lavoro sia la perdita di una struttura che dovrebbe avere come compito primario la diffusione della cultura.