Domenica si svolgerà la Giornata europea della cultura ebraica anche in Calabria

lechlechaDomenica 18 settembre 2016, in settantaquattro località in Italia, si svolgerà la Giornata europea della cultura ebraica, la manifestazione che invita a scoprire storia, luoghi e tradizioni degli ebrei attraverso centinaia di eventi tra visite guidate a sinagoghe, musei e quartieri ebraici, spettacoli, mostre, concerti, degustazioni kasher e altri appuntamenti culturali. L’evento, giunto alla diciassettesima edizione, è coordinato e promosso nel nostro Paese dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, parte di un network internazionale al quale aderiscono quest’anno trentacinque Paesi europei. Un tema comune, “Lingue e dialetti ebraici”, unirà idealmente tutti gli appuntamenti, con iniziative aperte e gratuite per tutta la cittadinanza e diffuse in quattordici Regioni.

In CALABRIA sono previsti eventi in sei località, dal 18 al 21 settembre a SANTA MARIA DEL CEDRO, ZAMBRONE, REGGIO CALABRIA, COSENZA, BOVA MARINA e CROTONE.  Un programma ampio, realizzato con la supervisione della Comunità Ebraica di Napoli, che prevede molte iniziative culturali tra mostre, concerti e approfondimenti sulle lingue ebraiche come lo Yiddish, il Judeo-Espanol e il dialetto calabrese, utilizzato dagli ebrei marrani dopo l’editto di espulsione nel ‘500. Si parte domenica 18 settembre a SANTA MARIA DEL CEDRO (CS), alle ore 10.00, presso l’ex Carcere dell’Impresa, sede dell’Accademia internazionale e del Museo del Cedro, con l’apertura della mostra itinerante, e che sarà replicata in ogni località calabrese, sulla simbologia della scrittura ebraica, ed esecuzione di canti dialettali dell’Esodo. Santa Maria del Cedro, nel circuito della Giornata europea da molti anni, viene visitata ogni anno da Rabbini di diverse parti del mondo per la festività di Sukkot, per l’alta qualità dei cedri che vengono utilizzati per i riti della festività.

Dopo i saluti di Franco Gagliano, presidente dell’Accademia del Cedro, e di Roque Pugliese, referente e consigliere della Comunità Ebraica di Napoli, ci saranno gli interventi, tra gli altri, del sindaco Ugo Vetere, del presidente del Consorzio del cedro di Calabria Angelo Adduci, dei consiglieri regionali Mauro D’Acri e Giuseppe Aieta, del presidente dell’Ente Parco del Pollino Domenico Pappaterra.  Seguiranno musica e commenti al canto dialettale marrano, a cura di Franco Pugliese. Interverranno poi Viviana Andreotti, sui canti ladini nelle melodie calabresi, Clara Elizabeth Baez, sullo Yiddish, la lingua degli ebrei dell’est Europa, e Tonino Nocera sul “Bagitto”, il gergo degli ebrei livornesi. Nel pomeriggio di domenica la manifestazione prosegue a ZAMBRONE (VV), alle ore 17.00 presso il centro sociale in via Corrado Alvaro, con i saluti del Sindaco Corrado L’Andolina e della Presidente del consiglio comunale Marina Grillo. Seguono gli interventi di Roque Pugliese, Viviana Andreotti e Clara Elizabeth Baez, e

la lezione di Licia Bevilaqua sul linguaggio nella storia e nella tradizione ebraica. Conclusione affidata alla lezione del Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Napoli, Umberto Piperno, “La Lingua Santa e l’alfabeto strumento della creazione e della redenzione”. Musiche e canti ebraici a cura della vocalist Mariachiara Carrozzo. Le iniziative proseguono lunedì 19 settembre a REGGIO CALABRIA (Palazzo San Giorgio, Piazza Italia), dalle ore 10.00, con l’apertura della mostra itinerante ed esecuzione di canti dell’Esodo, gli interventi di Roque Pugliese e le musiche di Franco Pugliese.

Interverranno a seguire il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà, l’assessore alla cultura Patrizia Nardi, l’addetto alle relazioni esterne Franco Arcidiaco, il direttore generale della provincia di Reggio Calabria Antonino Minicucci, il sindaco di Cittanova Francesco Cosentino.  Diversi gli incontri di approfondimento: con Tonino Nocera su storia e tradizione degli ebrei in Calabria, con lo scrittore Felice Delfino sulla presenza ebraica a Reggio Calabria, con il Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Napoli sulla lingua sacra e l’alfabeto ebraico. La manifestazione prosegue a COSENZA, il 19 settembre nel pomeriggio, presso il Chiostro di San Domenico (Piazza Tommaso Campanella): dalle 16.00, apertura della mostra itinerante e canti dell’Esodo. Alle ore 18.00, dopo i saluti degli organizzatori, interviene il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto, il Sindaco di Tarsia Roberto Ameruso, il presidente Lions Club Carlo Zottola, l’Eparchia di Lungro Don Pietro Lanza e Don Dario De Paola, delegato per l’ecumenismo dell’Arcidiocesi Cosenza-Bisignano.

Seguiranno interventi sul tema “Le lingue ebraiche”, tra cui la conferenza di Marta Petrusewicz, Professore Ordinario dell’Università della Calabria e alla City University of New York su “Lingua e genere: la femminilizzazione dello Yiddish”. Conclusioni affidate a Rav Umberto Piperno.

Nel sito archeologico di BOVA MARINA (RC), eventi previsti martedì 20 settembre dalle ore 10.00, con le visite guidate al Parco Archeologico e Antiquarium Archeoderi, dove sono stati rinvenuti e sono conservati i resti di un’antichissima Sinagoga. Il Parco archeologico, che ospita pregevoli reperti di età imperiale romana rinvenuti nel sito a partire dal 1983, ha sede lungo la strada provinciale di Bova Marina – Palizzi (Vallata del San Pasquale). L’area è tutelata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo.
Interverranno Rav Umberto Piperno, Roque Pugliese, Agazio Fraietta.

La manifestazione in Calabria si chiude a CROTONE (Sala consiliare del Comune, Piazza della Resistenza), il 21 settembre. Si inizia alle ore 10.00, con l’apertura della mostra itinerante e l’esecuzione di canti dell’Esodo. Alle 11.00, “letture marrane” con Federica Cordasco, e interventi del Sindaco Ugo Pugliese, di Roque Pugliese, dell’Arcivescovo Domenico Graziani, del Prof. Mario Caligiuri, del Pastore Abele Trosino e del Rav Umberto Piperno. Due le conferenze: di Clara Elizabeth Baez su “Yiddish: lingua persa?”, e dello scrittore Felice Delfino su “Presenza ebraica nella storia reggina”.

Maggiori informazioni su tutti gli eventi in Calabria possono essere richieste al tel. 366 1122860 e all’email roquechai@gmail.com.

La minoranza ebraica è presente in Italia da oltre due millenni, con testimonianze di vita e cultura diffuse sul territorio, dalle grandi città ai piccoli centri, da nord a sud alle isole.
Siti e percorsi tra i più belli d’Europa, che rendono l’edizione italiana, con circa cinquantamila presenze ogni anno, una delle più seguite, realizzando da sola più di un quarto dei visitatori complessivi dell’intero continente.

In Italia la Giornata europea della cultura ebraica è patrocinata dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dal Dipartimento per le Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani. La manifestazione è inoltre riconosciuta dal Consiglio d’Europa.

Queste le settantaquattro località che aderiscono all’edizione 2016:
Calabria: Bova Marina, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Santa Maria del Cedro, Zambrone – Campania: Napoli – Emilia Romagna: Bologna, Carpi, Cento, Correggio, Cortemaggiore, Ferrara, Finale Emilia, Fiorenzuola d’Arda, Lugo di Romagna, Modena, Reggio Emilia, Soragna – Friuli Venezia Giulia: Gorizia, Trieste, Udine – Lazio: Ferentino, Fiuggi, Fondi, Roma – Liguria: Genova – Lombardia: Bozzolo, Mantova, Milano, Ostiano, Pomponesco, Sabbioneta, Soncino, Viadana – Marche: Ancona, Fano, Pesaro, Senigallia, Urbino – Piemonte: Acqui Terme, Alessandria, Asti, Biella, Carmagnola, Casale Monferrato, Cherasco, Chieri, Cuneo, Ivrea, Moncalvo, Mondovì, Saluzzo, Torino, Trino Vercellese, Vercelli – Puglia: Brindisi, San Nicandro, Trani, Taranto – Sicilia: Palermo, Ragusa, Siracusa – Toscana: Firenze, Livorno, Pisa, Pitigliano, Siena, Viareggio – Trentino Alto Adige: Merano – Veneto: Padova, Venezia, Verona, Vicenza

I trentacinque Paesi europei che aderiscono sono:
Austria, Azerbaigian, Belgio, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Danimarca, Finlandia, Francia, Georgia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Macedonia, Olanda, Norvegia, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Turchia, Ucraina, Ungheria.

I programmi dei singoli Paesi sono consultabili sul sito www.jewisheritage.org