Bufera su “Calabria Verde: “fondi utilizzati per ristrutturare l’abitazione dell’ex dg”

fisco finanza cosenza (2)Nella mattinata odierna i finanzieri del comando provinciale di Catanzaro, coordinati e diretti dalla procura della repubblica di Catanzaro, hanno eseguito cinque misure cautelari nei confronti di dirigenti, funzionari e consulenti della società “Calabria Verde”, indagati a vario titolo per reati contro la pubblica amministrazione. (QUI TUTTI I DETTAGLI). Trent’anni fa iniziai la mia carriera – ha dichiarato il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri nel corso di una conferenza stampa per illustrare i dettagli dell’operazione - occupandomi proprio di un’indagine relativa all’azienda forestale calabrese, oggi la prima indagine in cui mi sono imbattuto all’arrivo a Catanzaro e’ relativa allo stesso tema e devo dire che, anche se sono cambiate le tecnologie e i metodi di comunicazione, non e’ cambiata l’arroganza e la sicurezza di impunita’ degli indagati”. Dettagli che sono stati illustrati anche dal procuratore aggiunto di Catanzaro Giovanni Bombardieri il quale, utilizzando le parole del gip Perri, ha definito “sconcertante” la vicenda delle squadre di operai forestali che operavano con mezzi e materiali per la ristrutturazione della casa di Furgiuele anziche’ lavorare per l’azienda. Gravi anche le accuse relative alle minacce ad alcuni capi cantiere perche’ presentassero documentazione fittizia e l’azienda potesse ottenere fondi europei che venivano cosi’ “distratti in maniera spregiudicata”, ha spiegato Bombardieri. “Un danno per le casse regionali - ha aggiunto – da circa 80 milioni di euro che difficilmente potra’ essere risanato in qualche maniera”. Ma tra le righe della conferenza stampa, Bombardieri ha anche spiegato che l’operazione odierna e’ solo uno “step di un’indagine piu’ ampia su Calabria Verde e sulla sua gestione”.