Basket, al via la stagione giovanile della Vis Reggio Calabria

foto-di-gruppo-visDirigenti, istruttori, genitori, ragazzi e bambini tutti insieme appassionatamente per una stagione agonistica che si preannuncia esaltante. Si sono ritrovati all’esterno del PalaBotteghelle per quello che, di fatto, è stato il primo step 2016/17 di minibasket e settore giovanile. Presente lo staff tecnico al completo della Vis con i responsabili generali Checco D’Arrigo e Fabio Farina, l’istruttrice nazionale e responsabile del settore minibasket Teresa Nicosia, gli istruttori Andrea Sorace, Francesco Lobasso e Amelia Irrera, il responsabile fisico Serena Marino. Fiore all’occhiello della società bianco/amaranto quest’anno sarà il College Vis, fortemente voluto dal dg Luigi Di Bernardo per dar vita ad importanti sinergie con le altre società dell’hinterland reggino che operano nel mondo della palla a spicchi giovanile. “Il tutto – ha detto il patron della Vis – allo scopo di creare giocatori di pallacanestro”. Variegato il palinsesto delle attività che spazia dai “Primi passi” all’”Under 15”, con la novità delle squadre femminili. Nel dettaglio il settore giovanile sarà così articolato: “Under 13” per i nati 2004/2005 (allenatore Checco D’Arrigo), “Under 14” per i nati 2003/2004 (allenatori Checco D’Arrigo e Fabio Farina), “Under 15” per i nati 2002/2003 (allenatore Fabio Farina). Quattro sono invece le categorie di minibasket: “Pulcini e Paperine” per bambini e bambine di 5 e 6 anni (istruttori Teresa Nicosia e Amelia Irrera), “Scoiattoli e Libellule” per bambini e bambine di 7 e 8 anni (istruttori Teresa Nicosia e Amelia Irrera), “Aquilotti e Gazzelle” per bambini e bambine di 9 e 10 anni (istruttori Teresa Nicosia e Francesco Lobasso), “Esordienti” per ragazzi e ragazze di 11 e 12 anni (istruttori Checco D’Arrigo, Fabio Farina e Teresa Nicosia). Spazio anche all’attività motoria di base con la categoria “Primi passi”, rivolta a bambini e bambine di 3 e 4 anni (istruttore Andrea Sorace). Tantissime le iscrizioni già pervenute in sede. L’obiettivo è quello di migliorare i numeri della passata stagione, con i ragazzi che verranno costantemente seguiti nel loro percorso di crescita sportiva e coinvolti in una serie di iniziative collaterali alle attività sportive di base. Il PalaBotteghelle sarà per tutti loro una seconda casa in cui crescere, socializzare con altri bambini e vivere quotidianamente esperienze fantastiche.