A Reggio Calabria la “Giornata della Trasparenza”

giornata-trasparenza-1Davanti a una platea di quasi mille persone, tra professioni iscritti agli ordini degli Architetti, degli Avvocati e degli Ingegneri, pubblici amministratori e imprenditori, il presidente del Consiglio regionale della Calabria, Nicola Irto, ha aperto i lavori della “Giornata della Trasparenza”. Un’iniziativa articolata in un seminario sul nuovo Codice dei contratti pubblici e in una tavola rotonda su mafia, corruzione e appalti che vede alternarsi, al podio dell’auditorium “Calipari” di palazzo Campanella, autorità di governo, parlamentari, magistrati e autorevoli studiosi. ”Questo convegno nasce da un’esigenza fortemente avvertita da quanti operano nell’ambito delle relazioni contrattuali tra settore pubblico e settore privato: due mondi che non sempre parlano la stessa lingua, ma che devono compiere uno sforzo per trovare un terreno comune”, ha spiegato Irto. Il presidente di palazzo Campanella ha sottolineato: “La direzione giusta, in materia di appalti, è quella che conduce verso procedure più semplici, snelle e trasparenti. Solo in questo modo saranno contrastati con efficacia i mali della ‘ndrangheta e della corruzione che ipotecano la vita delle future generazioni e ci rubano la speranza”. Per Irto, tuttavia, un atteggiamento troppo remissivo o rinunciatario fa solo il gioco dei corrotti e dei mafiosi: “Nel governo di una comunità non esiste un ‘fato ineluttabile’, come nella tragedia di Eschilo; semmai, l’uomo è artefice del proprio destino. E’ dovere di chi ricopre cariche pubbliche fermare i ladri, e non le grandi opere. Espellere dai gangli vitali della pubblica amministrazione e dell’economia corrotti, corruttori e mafiosi, non deprimere le speranze e i sogni dei cittadini”.

 Nicola Irto ha proseguito: “L’Italia e il giornata-trasparenza-2Mezzogiorno hanno bisogno di cambiare verso e intraprendere un loro “New Deal”, che non può prescindere da un’impostazione della politica economica fondata keynesianamente sull’intervento pubblico e sugli investimenti in infrastrutture, soprattutto nel Mezzogiorno. Non dobbiamo avere paura, a condizione che tutti accettino come ‘regola del gioco’ fondamentale quella della trasparenza”. Il Presidente ha ricordato il progetto #openPalazzo e i principali provvedimenti assunti in meno di un anno: “Abbiamo disposto la diretta streaming delle sedute del Consiglio regionale, la pubblicazione online dei redditi dei consiglieri, l’accesso civico agli atti; varato il Piano anticorruzione; attuato la rotazione dei dirigenti; messo in campo un piano di riqualificazione della spesa; dato il via libera a un Piano di comunicazione che renderà ancora più specchiata e trasparente la nostra azione. Abbiamo sottratto – decisione che può non essere piaciuta a qualcuno, ma che rivendico con forza – le nomine di controllo e garanzia alle scelte della politica. E’ questo il metodo migliore per riavvicinare le istituzioni ai cittadini: anteponendo i fatti alle parole, le buone prassi alla comunicazione”. Il presidente Irto ha auspicato “il recupero della fiducia dei cittadini e della consapevolezza che lo Stato è ‘la parte giusta’. Rientra in quest’ambito il tema delle interdittive antimafia, che pone la necessità di contemperare interessi diversi, il : il principio di legalità e il contrasto alle infiltrazioni mafiose nell’economia, da un lato; la salvaguardia dei posti di lavoro e dell’imprenditoria sana, dall’altro. Su tale specifica questione, è auspicabile un intervento del legislatore nazionale. La nostra comunità – ha concluso Nicola Irto – non vuole sentirsi una ‘palla al piede’, ma intende essere parte integrante dell’Italia e contribuire da protagonista alla rinascita del Paese”.