A Reggio Calabria il convegno sull’emigrazione intellettuale nel Mezzogiorno

regione calabriaSi svolge oggi pomeriggio alle 17 al Consiglio regionale, auditorio Nicola Calipari, il convegno sull’emigrazione intellettuale nel Mezzogiorno. “La cultura esportata” affronta un tema spinoso per il futuro della nostra regione e lo fa guardando alle tantissime eccellenze calabresi che in tutto il mondo hanno saputo conquistare un ruolo di assoluto prestigio nel campo del lavoro, delle istituzioni, della cultura, delle scienze, dell’impresa. Ne dà testimonianza il libro “La Calabria nel cuore” che sarà presentato oggi dal co-autore Santo Strati, giornalista reggino da oltre trent’anni “emigrato” a Roma. Il libro racconta di oltre 500 calabresi illustri scovati in Italia, in Europa, in ogni parte del mondo da Peppino Accroglianò, presidente della più importante associazione di calabresi nel mondo. Un modello e un esempio virtuoso per i nostri giovani che però vogliono e debbono restare in Calabria per crescere e affermarsi, e soprattutto offrire il proprio, importantissimo, contributo per la crescita e lo sviluppo della loro terra. Al convegno, moderato dal giornalista Franco Arcidiaco – consulente culturale del sindaco Falcomatà – prendono parte – fra gli altri – il prof. Corrado Calabrò – presidente onorario del Consiglio di Stato – lo storico Giuseppe Caridi, il giornalista e regista Paolo Bolano, il consigliere metropolitano Antonino Castorina, il dott. Eduardo Lamberti Castronuovo – assessore provinciale alla Cultura e alla Legalità. Previsto un intervento di saluto da parte del presidente del Consiglio regionale della Calabria, arch. Nicola Irto e del Sindaco della Città Metropolitana Giuseppe Falcomatà.

Il sottosegretario alla cultura on. Dorina Bianchi che non potrà essere presente per sopravvenuti impegni istituzionali ha inviato un messaggio di saluto in cui sottolinea che “Quello che ci lega oggi è l’amore per la nostra terra, sentimento che non conosce limiti, confini e quel profondo spirito patriottico ch anima le giovani menti pensanti, risorse umane qualificate, le quali, attraverso la loro cultura e la loro competenza, trovano in parte la risposta e le soluzioni alle diverse problematiche che interessano da vicino anche la nostra regione. Questo è l’impegno che oggi, anche attraverso la presentazione del libro, ci impegniamo a fare, cioè quello di raggiungere un adeguato benessere economico e di migliore lo standard qualitativo di vita dei cittadini. Da parte mia è assoluto l’impegno di voler valorizzare le bellezze del nostro Paese, puntando su un turismo sostenibile che alimenti l’offerta turistica e dia profondo slancio all’economia attraverso la valorizzazione dei beni architettonici e degli itinerari turistici.”