Villa San Giovanni (Rc): il comitato per il “Si”al referendum ha organizzato un appuntamento tematico

i soci del comitato basta un sì, cambiare si può di Villa san GiovanniI soci del COMITATO BASTA UN Sì – INSIEME SI PUO’ – DI VILLA SAN GIOVANNI hanno “animato l’iniziativa informativa organizzata lo scorso 31 luglio sul Lungomare della Cittadina dello Stretto. Un vero e proprio appuntamento tematico che ha coinvolto tantissimi cittadini ai quali è stato consegnato un documento che rappresenta lo sforzo di sintetizzare, semplificare ed allo stesso tempo riunire compiutamente i punti nodali delle riforma costituzionale che saremmo chiamati ad approvare il prossimo appuntamento referendario autunnale. Questa prima elaborazione divulgativa ed esplicativa promossa dal circolo villese rappresenta una testimonianza di impegno, di studio e di passione civile che i tanti professionisti, lavoratori, studenti e pensionati che lo vivificano offrono all’analisi di tutta la Citta Metropolitana. Ed eccole, quindi, le ragioni del sì, concepite come risposta alle domande del cittadino che vuole conoscere per deliberare:

1.       A cosa serve il referendum?

La Riforma oggetto di conferma referendaria incide sull’iter di formazione delle leggi che, attualmente, devono essere approvate dai due rami del Parlamento (cd. bicameralismo paritario) mentre con la vittoria del sì sarà la Camera dei Deputati ad approvare la maggior parte delle leggi, superando l’anacronistico meccanismo della “navetta” tra Camera e Senato. Inoltre, soltanto la Camera concederà la fiducia al Governo mentre il Senato svolgerà un’altra funzione, ovvero quella di camera di compensazione tra Stato e Regioni. Ancora, nella riforma è prevista una limitazione del ricorso ai decreti legge. Un po’ tutti i governi ne hanno abusato, con la giustificazione della necessità e dell’urgenza dei provvedimenti, mentre il nuovo testo costituzionale prevede un iter velocizzato per i disegni di legge governativi. Infine, tornano allo Stato una serie di competenze che sono centrali per “natura” come le «grandi reti» di trasporto e navigazione, il «trasporto nazionale» dell’energia, i porti e gli aeroporti, la tutela ambientale.

 2.       Vengono mutati i valori fondamentali della Carta Costituzionale più bella del mondo?

No, assolutamente no. I principi fondamentali sono contenuti nei primi 12 articoli della Carta Costituzionale e non sono oggetto di modifica.

 3.       I ‘Padri Costituenti’ cosa ne penserebbero?

Sono stati loro stessi ad indicare la via per eventuali modifiche – l’art. 138 – consapevoli del fatto che un documento, per quanto bene possa essere scritto, non può essere “eterno” e prevedere tutte le necessità ed i problemi che si possono verificare nel tempo.

 4.       Gli altri Paesi modificano le loro Carte Costituzionali?

Si. In Germania, ad esempio, vengono fatti piccoli ritocchi quasi ogni anno. Riformare la Carta significa essenzialmente adeguarla alla realtà che cambia. Non è ragionevole che in Italia i fautori della conservazione la debbano considerare qualcosa di immutabile.

 5.       Cosa cambia nella struttura istituzionale del nostro Paese?

Non cambia né la forma di Stato, né la forma di Governo che continua ad essere di tipo “parlamentare” ossia vi è sempre una Camera di nostri rappresentanti che discute e vota le leggi e che concede la fiducia al Governo. Lo Stato diverrà più efficiente ed efficace, in quanto materie strategiche — tra le quali i trasporti e l’energia — torneranno alla competenza legislativa centrale per evitare frammentazioni, confusione e contenziosi.

 6.       La Riforma Costituzionale può portare ad un risparmio di spesa? Ad un ridimensionamento dei costi della politica?

Certamente. L’abolizione del bicameralismo paritario determina anche la riduzione del numero dei Senatori, che scendono a 100 (oggi sono 315) e fissa un tetto massimo delle indennità dei consiglieri Regionali. Con il sì alla Riforma, inoltre, le Province vengono definitivamente abolite e tutte le loro competenze ripartite tra Comuni, Città Metropolitane, Regioni e Stato. Viene infine eliminato il CNEL (consiglio nazionale dell’Economia e del Lavoro).

 7.       E’ vero che la Riforma aumenta la partecipazione dei cittadini alle decisioni che riguardano il Paese?

Vero. Aumentano gli strumenti per l’esercizio della democrazia diretta. Per quanto riguarda le leggi di iniziativa popolare viene introdotto l’obbligo di discussione e sono inoltre introdotti referendum popolari propositivi e d’indirizzo.

 8.       Cosa succede se vince il NO?

Se dovesse vincere il NO si perderebbe un grande opportunità ossia la possibilità di “snellire” l’ordinario iter procedurale di formazione delle leggi ed il previsto iter agevolato per i disegni di legge governativi, legittimando il ricorso abnorme ai “decreti d’urgenza”.

Attualmente, per intenderci, una proposta di legge incontra mediamente termini di approvazione maggiori di un anno. Riproporre, poi, una nuova Riforma ed un nuovo Referendum confermativo, in un quadro politico frammentato, richiederebbe tempi molto lunghi senza certezza di definizione.

 9.       Questa è una Riforma perfetta?

Come tutte le riforme, frutto del compromesso tra varie forze politiche, non è perfetta ma può, una volta approvatone l’impianto, essere sempre ritoccata e migliorata secondo le necessità delle generazioni che verranno, nell’ottica dell’efficienza”.

 

  1. 10.   Come si vota?

Si vota con “SI” se si è d’accordo con la Riforma Costituzionale, il “SI” approva tutte le modifiche proposte.