SS106, Crea: “non ci sono finanziamenti” [FOTO]

SS106 (3)“Leggere quanto pubblica la stampa di quotidiani calabresi nella prima settimana di luglio 2016, ci addolora e ci certifica che abbiamo inseguito i problemi della 106, dei torrenti, dell’aeroporto e quant’altro come se fossero ombre. I vari ministeri da noi interessati non ci hanno mai detto a chiare lettere quello che ci certifica oggi il piano regionale dei trasporti, redatto dall’assessore ai Trasporti della regione Calabria  prof. Francesco Russo (tecnico a costo zero prestato alla politica come appreso durante l’incontro promosso nell’ambito delle consultazioni della fase preliminare del processo di valutazione Ambientale Strategica, tenutosi lo scorso 28 giugno presso la sede del consiglio regionale a Reggio Calabria e riportato anche dagli Organi di informazione) mancanza dei finanziamenti europei e nazionali. La nostra battaglia sulla Ss 106   di centinaia di morti di nostri corregionali nel silenzio della classe politica calabrese, “di recente dal 2013 in sede europea si consuma una scelta scellerata nei confronti della nostra Calabria. Viene esclusa  la Ss 106 nel tratto Catanzaro Lido Reggio Calabria””. Aggiungiamo e chiediamo che fine ha fatto il finanziamento del tratto Campo Calabro/Reggio Calabria. (A tal proposito chiediamo alla spettabile ANAS di rimuovere la segnaletica Salerno/Reggio Calabria e denominarla Salerno/Villa San Giovanni). Stando così le cose ci permettiamo segnalare all’assessore Francesco Russo, alla regione Calabria e ai Ministeri in primis, i finanziamenti del Megalotto 5 RC/Melito e succ. che a distanza di 10 anni (23 luglio 2007) dal progetto preliminare della nuova strada Reggio/Taranto ancora non si hanno notizie, né di finanziamenti, né appalto, tantomeno dello studio dal Km. Zero al km 7 di cui al parere espresso dalla Commissione VIA del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio e del Mare sul progetto preliminare RC/TA – Megalotto 5 -che in pratica è raccordo finale della SA/RC/TA“. E’ quanto scrive in una nota Vincenzo Crea, referente unico dell’Ancadic Onlus.