Sinistra italiana al fianco del sindaco di Cinquefrondi (Rc)

sinistra italianaSinistra Italiana Calabria esprime “forte vicinanza al sindaco di Cinquefrondi Michele Conia e alla sua Amministrazione ritenendo irricevibili gli attacchi, ben sopra le righe ricevuti, nelle ultime ore a seguito delle elezioni metropolitane, elezioni a cui come è noto, né Sinistra Italiana, né l’amministrazione cinquefrondese hanno ritenuto di partecipare rispettando le libere scelte dei vari amministratori. Questo pur avendo lavorato con impegno e sacrificio nelle settimane precedenti alla presentazione delle liste affinché si potesse realizzare un progetto condiviso e di respiro provinciale. Non essendoci stato un accordo esterno ed interno, soprattutto per via della fase precostituente del partito e del sistema elettorale, come già ribadito pubblicamente nel periodo elettorale, che andasse a concretizzare l’idea di partenza si è ritenuto doveroso non partecipare ufficialmente alla competizione elettorale rispettando la delicata libertà di scelta di ogni singolo amministratore coinvolto così come l’amministrazione cinquefrondese ha ritenuto di non partecipare a progetti diversi dell’ipotesi auspicata in partenza. Libertà che ha comunque portato tutti gli amministratori legati al percorso costituente di Sinistra Italiana a non partecipare a tutti i costi e direttamente alle elezioni metropolitane. Libertà che ha spinto invece a riunirsi in una lista di partito buona parte degli amministratori del PD mentre i protagonisti delle altre liste, tutte, nessuna esclusa, sono andati a concorrere insieme al di là del colore politico di ognuno. Libertà che si rivendica piaccia o meno a quanti,fermi al palo della storia, filtrano il mondo contemporaneo con le lenti del Comintern, autoproclamandosi vestali di una malintesa ortodossia susloviana di cui non si sente la minima necessità di allineamento politico. Non fosse altro che per le dubbie narrazioni leniniste dell’amministrazione comunale di Gioia Tauro alla quale è  sembrata viceversa piuttosto interessata la dirigenza del “socialismo in un paese solo”. Riteniamo, alla luce di quanto finora messo in evidenza, che il compagno Conia rappresenti una vera eccellenza nell’ambito del governo locale. Prova ne è il costante interesse dei media regionali e nazionali verso un’esperienza che al pari di poche altre sta scrivendo una pagina di “bella politica” nella nostra Regione. Paradossalmente non lontana dall’esempio di grande portata simbolica, rappresentata proprio dall’esempio storico dell’esperienza di Polistena, caro a chiunque in questa terra si proponga di agire per superarne i ritardi e le ataviche sottomissioni”.