San Procopio (Rc), il consigliere Cortese ha deciso di devolvere a favore dei terremotati parte dell’indennità di presenza alle udienze consiliari

LaPresse/Stefano Costantino

LaPresse/Stefano Costantino

Crescono, a ritmo incalzante, le iniziative a carattere benefico, volte ad alleviare in qualche misura i disagi e le sofferenze delle comunità fortemente colpite dal recente sisma in alcune regioni dell’Italia centrale. In tale ambito, il consigliere comunale di San Procopio, dottor Gennaro Cortese, ha deciso di devolvere a favore dei terremotati parte dell’indennità di presenza alle udienze consiliari dovutagli per l’anno 2016. Cortese, che è anche vice presidente dell’assise comunale di San Procopio, in considerazione della vastità e gravità dell’evento tellurico, causa di un numero così alto di vittime e origine di danni morali e materiali incalcolabili a tanti nostri connazionali, privati di tutti i loro averi, ha inteso fare anche di più. Valutato, infatti, come occorra uno sforzo unanime per un concreto contributo economico nella direzione voluta, ha lanciato un appello ai sindaci, agli assessori e ai consiglieri comunali di qualsiasi schieramento politico degli altri centri calabresi affinché devolvano anch’essi una parte delle loro indennità. L’obiettivo: fare fronte comune ed essere concretamente solidali con le popolazioni che vivono l’attuale dramma. Il dott. Cortese ha aggiunto: “Bene farebbero pure i consiglieri regionali e provinciali a dimostrare la loro vicinanza a quanti vivono l’attuale dramma nei centri terremotati del Lazio, dell’Umbria e del Molise. Tali contributi economici potranno essere inviati attraverso i conti correnti autorizzati, finalizzati dallo Stato per un’assoluta garanzia che giungano a destinazione”.