Regione Calabria, l’intervento dell’assessore Barbalace sulla vertenza “Italcementi”

L’Assessore regionale allo “Sviluppo economico” Barbalace interviene sulla vertenza “Italcementi”

germaneto cittadella regione calabriaL’Assessorato regionale allo “Sviluppo Economico”, in una nota diffusa dall’Ufficio stampa della Giunta, afferma che è difficile cogliere le motivazioni ed il senso dei toni utilizzati dalla FILCA – CISL nel merito della vertenza Italcementi che investe lo stabilimento di Castrovillari. La pagella esibita attraverso il recente comunicato stampa e, soprattutto, le dichiarazioni del segretario generale della categoria, rivelano una superficiale narrazione dei fatti che hanno caratterizzato la vertenza. Il segretario Venulejo, pertanto, prima di attribuire “promozioni” e “bocciature”, da assente alla riunione presso il Ministero per lo Sviluppo Economico dovrebbe dar conto ai lavoratori riconoscendo, obiettivamente, che l’Assessore Barbalace  ha agito nel rispetto delle regole imposte dall’antitrust nella delicata fase di “closing” intercorsa con il passaggio di proprietà dal gruppo “Italcementi ad Heidelberg Cement”.Anche volendo richiamare articoli di stampa e comunicati scritti o pubblici dell’Assessorato, risulterà oltremodo difficile reperire “proclami” di qualsivoglia tenore riconducibili all’assessore Barbalace. Pertanto, sterile e superficiale, e con pieno carattere, davvero, di “proclama” assume l’intervento di FILCA-CISL, che appare del tutto strumentale e dannoso per la giusta causa dei lavoratori dello stabilimento di Castrovillari. “Pur non volendo assumere il ruolo di professoressa, per il quale non ho le giuste competenze, – ha detto l’Assessore Carmen Barbalace – “rimando” a settembre il sindacato FILCA-CISL, in quanto sarà proprio quello il tempo in cui Heidelberg presenterà un documento di dettaglio al MISE contenente le esigenze, i termini e le prospettive per la continuità dei siti industriali presenti in Italia, da condividere con le Regioni ”. In questo contesto sarà cura della Regione, con i suoi rappresentanti istituzionali, tutelare i lavoratori nel pieno rispetto delle regole di una vertenza nazionale.