Reggio Calabria: Unicef e Fondazione Montesano insieme per i bambini in fuga dai conflitti con il gala “Stelle nella notte”

Unicef e Fondazione Montesano, con il gala “Stelle nella notte”, uniti per i bambini in fuga dai conflitti

bambini-striscia-gazaLa vocazione all’accoglienza del territorio, declinata secondo le sue molteplici accezioni e sfumature, sarà il tema dominante di “Stelle nella notte”, il charity gala dinner promosso dalla Fondazione Montesano in favore di Unicef. Mercoledì 10 agosto, a partire dalle 20.30, il Castello di Altafiumara farà da cornice all’evento i cui proventi saranno interamente devoluti a sostegno di progetti dedicati ai bambini profughi provenienti da zone di guerra. E proprio riconoscendo le nobili finalità dell’iniziativa e la funzione di promozione di temi legati alla pace alla solidarietà il presidente del comitato provinciale dell’Unicef Pietro Marino ha inteso invitare alla partecipazione e al sostegno: “Eventi come questo – spiega Marino – contribuiscono a rafforzare valori e sensibilità. Incoraggiare un impegno collettivo nei confronti dei migranti, di coloro che fuggono da situazioni di grave disagio, andando oltre le responsabilità delle varie istituzioni, è un obiettivo prioritario per noi. La Calabria è una terra che sa accogliere e si apre al Mediterraneo. Forti di questa consapevolezza vogliamo però richiamare ancora una volta l’attenzione, e l’iniziativa promossa dalla fondazione Montesano ce ne offre l’occasione, sul dramma dei minori non accompagnati, migranti e rifugiati, che sbarcano numerosissimi sulle nostre coste. Unicef – sottolinea il presidente del comitato provinciale – è in prima linea nel fronteggiare questa emergenza, particolarmente complessa nella sua gestione, che richiede uno sforzo straordinario da parte delle autorità competenti e la vigilanza degli organismi internazionali”.

Momento centrale della serata di gala, che unisce merito talento e solidarietà, sarà il Premio Internazionale Altafiumara Ambassadors, destinato ad illustri professionisti e personalità che si sono distinte anche oltre i confini nazionali. La kermesse sarà arricchita, inoltre, della sfilata delle creazioni del Maestro Orafo Gerardo Sacco e della nuova collezione dello stilista Claudio Greco. “Vogliamo promuovere i concetti di accoglienza e di ospitalità. La nostra mission – afferma il presidente della fondazione Francesco Montesano – è quella di proporre ospitalità di alto livello ma vogliamo anche sottolineare come il territorio in cui operiamo abbia dimostrato grande spinta ed apertura nei confronti delle donne e degli uomini che arrivano in Europa lasciandosi alle spalle guerre e condizioni di vita drammatiche, per inseguire il sogno di un futuro migliore. Noi vogliamo essere ospitali – conclude Montesano – nel servizio e nell’anima e speriamo con la raccolta fondi di contribuire alla realizzazione di programmi dedicati in particolare a minori”.  “Realizzare un evento di tale portata, fortemente ancorato ai valori della solidarietà e della accoglienza – dichiara la presidente del comitato scientifico della Fondazione Antonella Freno -  è motivo di grande orgoglio per noi che con entusiasmo e responsabilità abbiamo voluto affiancarci ad Unicef. Desideriamo promuovere il Mezzogiorno, le sue eccellenze e la sua cultura, offrendo un riconoscimento a personaggi che nel proprio campo di attività hanno dato lustro al Sud, sostenendo al contempo i minori coinvolti nella più grande emergenza umanitaria dei nostri tempi”.