Reggio Calabria: Uil richiede un’audizione al Procuratore della Repubblica e al Tribunale di Locri per l’Asp

Il sindacato Uil ha chiesto al Procuratore della Repubblica e al Tribunale di Locri un’audizione per discutere sull’operato dell’Asp

SCIOPERO-MEDICI-1Il sindacato Uil chiede al Procuratore della Repubblica e al Tribunale di Locri, un’audizione. Nella lettera, il sindacato scrive “Da circa sei anni da quanto l’esecutivo regionale ha proceduto all’accorpamento (solo sulla carta!!) delle Aziende sanitarie locali di Reggio Calabria,  Palmi e  Locri, diventato un grande guazzabuglio giuridico, economico-finanziario, i direttori generali e commissari straordinari che si sono succeduti nella gestione dell’Azienda provinciale di Reggio Calabria hanno prodotto e continuano a produrre non soltanto illegalità e sperpero di pubblico danaro, ma soprattutto il ridimensionamento e finanche la chiusura di alcuni reparti dell’Ospedale di Locri per carenza di organico ed attrezzature. A tale proposito una segnalazione particolare merita la grave e precaria condizione in cui versa il Pronto Soccorso dello stesso Presidio, mentre sarebbero “tutelati e salvaguardati” i reparti di esclusivo interesse politico ed elettorale”.  ”Questo Sindacato – continua – nell’assolvimento dei propri compiti istituzionali volti a garantire e favorire il pieno rispetto di tutte le disposizioni di legge e di contratto collettivo, ha presentato alla Procura in indirizzo articolati e documentati esposti sulla mala gestione, consentendo alla A.G. di avviare e concludere a tempo di record alcune importanti indagini all’esito delle quali sono stati contestati  reati anche molto gravi ed allarmanti sotto vari profili a carico di numerosi soggetti legati da rapporti di lavoro con l’Asp. Ciò nonostante nessun cambiamento si è registrato essendo tutti i soggetti indagati ed imputati   rimasti negli incarichi di vertice illecitamente loro conferiti, anzi per alcuni di essi si è pure proceduto alla riconferma, con il tacito consenso dei responsabili dell’Anticorruzione aziendale, regionale e nazionale i quali hanno omesso di esercitare il potere di vigilanza controllo e di rimozione dei comportamenti ed atti contrastanti con il piano Anticorruzione”.  ”L’assordante silenzio – prosegue – delle autorità preposte, non farà però desistere questo Sindacato dal far perseguire i responsabili della disastrosa situazione in cui versa l’Asp e le sue strutture ospedaliere e periferiche, frutto di una impostazione malata della gestione della cosa pubblica e di una spregiudicata conduzione dell’ordinaria amministrazione, che offende  l’immagine delle istituzioni rappresentate, con gravissimo pregiudizio del pubblico erarioPertanto i sottoscritti, congiuntamente ad una delegazione di Operatori Sanitari, chiedono che la S.V. voglia disporre al più presto la loro audizione quali persone informate sui fatti, atteso il rischio attuale e concreto per la tutela della salute dei cittadini”, conclude.