Reggio Calabria, tra vie al buio e zone abbandonate: ecco le FOTO della città “dimenticata”

A Reggio Calabria sono tante le zone lasciate al degrado, all’incuria e a volte totalmente al buio: ecco tutte le FOTO

via reggio campi2Reggio Calabria è la città dai mille volti. E’ la città del centro storico “distrutto” dai “lavori in corso”, dei quartieri malfamati in cui le regole sono fatte dal malvivente di turno, delle piccole realtà che cercano di sopravvivere in questo mare di melma, è la città dei gazebo sequestrati, degli sbarchi dei migranti, delle operazioni che inferiscono colpi mortali alla ‘ndrangheta, delle tradizioni, degli imprenditori “fasulli” che offrono speranze “fasulle” a giovani che credono nella loro città. Reggio è la città della disoccupazione, del mare stupendo, del km più bello d’Italia, dei panorama mozzafiato, del gelato migliore al mondo e dei Bronzi di Riace. E proprio qui, nella città dai mille volti vivono alcuni cittadini, quelli onesti e che fanno paura, che silenziosamente pongono l’attenzione su problematiche dimenticate da molti, occultate da tanti e ritenute “inutili” da altri. E infatti, mentre si prosegue con la propaganda della raccolta differenziata e del rispetto dell’ambiente c’è chi, invece, fa orecchie da mercante. E’ vero, è difficile poter combattere contro una credenza ormai radicata, secondo cui la differenziata sia inutile.

Via vecchio cimiteroEd è altrettanto difficile riuscire a scovare e punire il cittadino che incurante getta l’immondizia in ogni luogo. E’ vero anche però che, certe “situazioni” proseguono da anni e certi quartieri, più nascosti e poco conosciuti, sono abbandonati a loro stessi. Parliamo infatti della Via Reggio Campi, dove proprio accanto al “Parco Fiamma” vi sono cassonetti, a cui piedi vi sono buste su buste di spazzatura. Questo proprio ai piedi del “Parco delle Mura Greche”, in via Trabocchetto III, la cui “orribile” struttura contiene delle mura di straordinaria bellezza, abbandonate all’incuria tra erba alta e rifiuti ovunque. In Via Vecchio Cimitero, invece, è quasi una sofferenza andare. Qui, invece la fanno da padrone non solo le buche e le strade distrutte, ma anche le case diroccate e pericolanti, in cui ci si può addentrare facilmente tanto che entrano ed escono diversi ragazzini. A qualche metro di distanza, proprio nel tratto tra la Via Reggio Campi e la Via Vecchio Cimitero, l’incuria la  fa da sovrana. Come potrete notare, cumuli di rifiuti vengono abbandonati lì di fronte le abitazioni dei cittadini, nonostante tanti altri tentino di dare “inutilmente” (purtroppo) una parvenza di pulizia. Reggio è anche la città che è stanca di perdere giovani a causa di incidenti stradali, che potrebbero essere evitati. Nonostante questo, alcune zone continuano a rimanere al buio costringendo i guidatori a tenere gli abbaglianti accesi, a far attenzione a non investire passanti e ad affidarsi alla loro memoria per evitare le buche. E’ quanto sono costretti ad affrontare giornalmente tutti coloro che alla sera percorrono la via Reggio Campi, nella zona del Cimitero di Condera, che purtroppo è completamente al buio. Forse i morti non meritano la luce? Crediamo nella onestà di molti e si spera che le cose possano presto cambiare, ma soprattutto che venga posta attenzione a quei cittadini che vivono in zone un pò più “nascoste”.