Reggio Calabria, proseguono gli incontri promossi dall’Associazione Culturale Anassilaos

Carmelo Loddo, Ivan Fowler, Nanni BarbaroProseguono gli incontri promossi dall’Associazione Culturale Anassilaos. Mercoledì 10 agosto, presso il Lido Stella Marina (Pentimele) alle ore  19,30,  congiuntamente con Laruffa Editore, nell’ambito dei “Mercoledì d’Autore/Libri in riva al mare”, si terrà la presentazione de “Le acrobatiche rime” di Carmelo Loddo (Laruffa Editore). Presenterà il volume  Daniela Scuncia mentre la lettura delle filastrocche sarà a cura del giovanissimo  Giovanni Barra. Giovedì 11 agosto alle ore 21,00 presso il Chiostro di San Giorgio al Corso,  con l’intervento di Tito Tropea, Presidente di Anassilaos Giovani e di Pietro Rossetti sarà la volta del thriller storico di Ivan  Fowler  “Edward. Il mistero del Re di Auramala” edito da Piemme. Corre l’anno 1338. La guerra tra Inghilterra e Francia sembra ormai imminente. Il  re inglese Edward III è pronto a scatenare l’attacco decisivo. Anche perché, misteriosamente, è entrato in possesso di enormi somme di denaro che gli permettono di avere al soldo l’imbattibile flotta genovese. Nessuno, tra i grandi Lord e i consiglieri reali, riesce a capire come mai l’ambiguo mercante genovese Niccolò Fieschi sia riuscito a entrare nelle grazie del sovrano e ora eserciti un potere così grande a corte. È per questo che vengono ingaggiati una tra le più famose spie al servizio della Corona, Master John de Ulgham, e il suo giovane apprendista William de Tels. I due, nel lungo e pericoloso viaggio che li condurrà dall’Inghilterra alle Fiandre, da Avignone a Genova, fino ad arrivare a Pavia e a una valle sperduta tra gli Appennini lombardi, scopriranno il terribile segreto che permette ai Fieschi di tenere in pugno il re inglese.

Ma in questo gioco di sangue e 01 (4)potere nulla è mai davvero come sembra… In una lotta contro il tempo e contro uno spregiudicato assassino che pare conoscere in anticipo ogni loro mossa, Master John e William rischieranno la vita per ciò che al mondo hanno di più caro e sacro: l’onore della Corona d’Inghilterra. Al centro dell’intrigo la vicenda di Re Eduardo II di Inghilterra, detronizzato dalla moglie, imprigionato  e ucciso in Inghilterra oppure fuggito in Europa e morto in Italia, a Pavia. Edward Fowler  è australiano, ma vive da molti anni a Pavia. È cantante lirico, compositore e cantastorie. Assieme alla squadra dell’Associazione Culturale Il Mondo di TELS, crea e cura i tour narrati del circuito The Original History Walks®. È inoltre il coordinatore di The Auramala Project, un progetto internazionale di ricerca che tenta di gettare luce, attraverso indagini d’archivio e genetiche, sul vero destino di re Edward II. Domenica 14 agosto poi presso la Piazza di Archi Carmine alle ore 21,00, nell’ambito dell’Incontro con l’Autore sarà presentato il volume, edito da Città del Sole, di Nanni Barbaro, “Sulle sponde dello Stretto mi sono seduto e ho riso” con l’intervento di Francesca Neri,  critico e studioso di letteratura. Nanni è un sognatore in bilico tra Piazza Maggiore e il cimitero di Archi. Con un’equazione imperfetta potremmo dire che Bologna non sta ad Archi come invece Stefano Benni sta a Nanni Barbaro. In queste pagine, che fluttuano disinvoltamente tra il surreale e il beffardo senza disdegnare qualche puntatina sul tragico, Nanni esprime chiaramente lo stupore di chi torna a fare i conti con il proprio luogo natio e si rende conto, invece, che quei conti non hanno proprio nessuna voglia di… tornare. Luoghi e personaggi, che probabilmente solo il fuoco evocativo della nostalgia aveva reso ammalianti e fantastici, si mostrano nella loro vera essenza e mettono il narratore nella cruda necessità di descriverli in modo impietoso. È a questo punto che viene fuori l’estro del narratore e Nanni riesce con maestria a dipanare i racconti mischiando sapientemente echi benniani e gucciniani (la Archi di Nanni ne ricorda un po’ il West domestico modenese, di “Tra la via Emilia e il West”), sotto l’occhio vigile del suo amato Faber. Assolutamente esilarante le “historie de li Santi Frati Liquiriziani Larenzu et Limitri” scritte in un esilarante slang che sembra discendere direttamente dalle lingue d’oc e d’oïl e dalla musicalità del volgare italiano dantesco. Nanni Barbaro, scrittore autodidatta, è autore di decine di commedie brillanti in vernacolo. Ha pubblicato una silloge poetica di intonazione civile, Oltre il muro, nel 1990, con la prefazione di Mons. Italo Calabrò. È stato allievo del Maestro Rodolfo Chirico e ha frequentato numerosi seminari teatrali, letterari e cinematografici.