Reggio Calabria pronta alla Traversata dello Stretto: in mostra la fotostoria dell’evento [FOTO e INTERVISTE]

Alle Poste Centrali di Via Miraglia a Reggio Calabria la mostra dedicata alla Traversata dello Stretto: scatti che ripercorrono la storia dell’evento

mostra Traversata dello Stretto Poste68È stata inaugurata questa mattina al Palazzo delle Poste di Via Miraglia a Reggio Calabria la mostra fotografica che ripercorre la storia della Traversata dello Stretto: una raccolta di scatti messa insieme grazie alla collaborazione di quanti hanno preso parte all’evento negli anni, una storia che arriva alla 52ª edizione dell’evento, presentata ieri all’Hotel de La Ville di Villa San Giovanni.
Centodieci concorrenti per una sola emozionante gara, tra di loro tantissimi atleti professionisti, non solo adulti ma anche ragazzini che si preparano all’evento ormai da mesi e sono pronti ad affrontare domenica prossima le correnti e le acque dello Stretto di Messina, in un percorso che li porterà da Torre Faro a Cannitello.

La storia della Traversata dello Stretto è tutta racchiusa nelle decine di scatti che compongono la mostra fotografica ospitata nello spazio espositivo delle Poste di via Miraglia, ed inaugurata oggi alla presenza dell’Assessore allo Sport e Cultura del Comune di Villa, Lorenzo Micari, del presidente del Centro Nuoto Sub Villa, Mimmo Pellegrino, e degli organizzatori dell’evento. Curata da Pasquale Fiumanò, la mostra ripercorre le cinquantadue edizioni della Traversata, a partire dalla prima del 5 settembre del 1954. Una competizione nata per iniziativa di Rosario Calì, presidente al tempo dello Sporting Club Villa, e di Mario Santoro, già presidente della FIN regionale.
Rosario Calì, villese di nascita e milanese di adozione, osservando “il bel mare” che separa la Sicilia dal “Continente”, comprese come quel tratto di mare dal fascino misterioso, racchiuso in un panorama incantevole e suggestivo, avrebbe potuto accendere il desiderio di tanti nuotatori di attraversarlo se coinvolti in una impresa sportiva. La bellezza della natura e le capacità agonistica dell’uomo diventano così il binomio di una gara unica e speciale e che oggi vede la partecipazione di atleti di altissimo livello, provenienti da varie parti del mondo.
Le foto in esposizione sono un viaggio a ritroso nel tempo per rivivere le emozioni dei momenti più significativi delle varie manifestazioni, e dei nuotatori che vi hanno partecipato nel corso degli anni. Una storia fatta di momenti esaltanti e anche di difficoltà. Sul finire degli anni ’60 prevale infatti un certo disinteresse verso il nuoto di fondo che fece optare gli organizzatori per la disciplina del nuoto pinnato, in forte crescita. Furono 29 le edizioni della gara dedicate al nuoto pinnato, per ritornare, nel 2006, al nuoto di fondo.
Una storia che viene raccontata anche dalle cartoline e dagli annulli filatelici che sono stati realizzati nel corso del tempo da Poste Italiane. Anche per questa edizione, l’Amministrazione Comunale di Villa San Giovanni, guidata dal Sindaco Antonio Messina, con l’attività dell’Assessore allo Sport e Cultura, ha voluto rinnovare l’appuntamento con la Filatelia, per offrire a tutti gli appassionati di questa disciplina sportiva, e non solo, un ricordo tangibile dell’evento da trasformare anche in oggetto da collezione. Sono state infatti realizzate due cartoline tematiche, a tiratura limitata, e un annullo che riproduce il logo della manifestazione. Domenica 7 agosto, uno stand di Poste Italiane sarà presente nel punto di arrivo della gara, a Punta Pezzo, sul Lungomare di Villa San Giovanni, dalle ore 12 alle 14. Lo slogan della competizione di quest’anno è stato affidato alle parole pronunciate da un nuotatore alla fine della sua impresa: “Questa non è una gara…è un’emozione!”. La mostra fotografica lo conferma in ogni sua immagine.