Reggio Calabria, inaugurata al Castello Aragonese la Mostra storica sulla Polizia di Stato [FOTO e VIDEO]

Questa mattina è stata inaugurata al Castello Aragonese di Reggio Calabria una mostra storica sulla Polizia di Stato che rimarrà esposta fino al prossimo ottobre

Mostra Polizia di Stato Castello Aragonese 2Da oggi il Castello Aragonese di Reggio Calabria ospiterà tra le sue mura una mostra storica sulla Polizia di Stato. Tra divise storiche, rappresentazioni ironiche, articoli di giornale e documenti, la storia di una delle Forze dell’ordine più radicate in Italia torna a vivere.
La presentazione si è tenuta oggi a Palazzo San Giorgio, durante la conferenza stampa d’apertura del Memorial dedicato al Prefetto Luigi De Sena. L’inaugurazione della mostra, infatti, è uno degli eventi inseriti all’interno di questa “giornata della memoria” dedicata al Prefetto.
A presentarla al pubblico è stato il Questore Grassi: “Vi invito a visitare la nostra mostra: è un’emozione di vita, perché di questo si tratta. Percorsi della memoria, percorsi di storia che sono vivi se dimostrano ancora impegno, se sanno trasmettere una testimonianza. Quello della mostra che abbiamo voluto fare non è solo sulla Polizia di Stato, è su tutte le forze dell’ordine: la loro semplicità che diventa eroismo. Un esempio che traiamo dal nostro compianto Prefetto De Sena, per noi ancora esempio vivo e attuale, a cui noi ci ispiriamo. Chi ha avuto l’onore di conoscerlo non può trarre che questa vivacità di impegno, di testimonianza che noi vogliamo regalare, facendo omaggio, alla cittadinanza di Reggio Calabria. Raccontiamo il nostro impegno, chi siamo, come ci vedono gli altri ma soprattutto un omaggio al sacrificio dei nostri uomini che stanno testimoniando in questi giorni al centro Italia con il soccorso pubblico. Perché uno degli aspetti della Polizia di stato, della Pubblica Sicurezza, oltre all’attività di prevenzione e di repressione, è quello di soccorso pubblico. Quindi questa apertura nel poter mediare, gestire i compromessi, ma soprattutto essere galantuomini testimoni di valori e tradizioni. Questo è vita, non è solo un ricordo, non va verso il passato ma verso il futuro“.
L’ingresso alla mostra è totalmente gratuito; rimarrà allestita fino al prossimo ottobre.