Reggio Calabria, ignoranza al volante: ecco cosa succede con i nuovi autovelox sulla SS106 [VIDEO]

Reggio Calabria, incredibile cosa succede sul rettilineo di Bocale dopo l’installazione degli Autovelox: ecco le immagini video

ImmagineFinalmente sulla SS106 Jonica a Reggio Calabria, in due tratti rettilinei (a Bocale e a Saline) sono stati installati gli Autovelox. Era la speranza che potessero limitare le follie dei pirati della strada, che negli ultimi anni hanno provocato molti incidenti scorrazzando a velocità pazzesche, fino a 160-180km/h. Invece purtroppo stanno determinando un effetto clamoroso, e molto pericoloso: tanti ignoranti al volante rallentano fino a 20-30km/h (!!!) provocando rischi di ulteriori incidenti, tamponamenti e scontri tra vetture, oltre che lunghe code.

Non era questo il senso degli Autovelox, non doveva essere così ignorante la reazione al volante: il limite di velocità nei punti in cui sono stati installati gli Autovelox, è estremamente ragionevole. Si tratta, come abbiamo già spiegato in un articolo di un paio di giorni fa, di 90km/h. Ma in molti non lo hanno capito. Anzi. Basta scorrere i commenti nel post condiviso sulla nostra pagina facebook per osservare numerose considerazioni convinte sul limite a 50km/h.

rotonda bocaleUna convinzione assolutamente errata, probabilmente data dal fatto che transitando sulla SS106 da Reggio verso la jonica, prima del rettilineo di Bocale c’è la nuova rotonda che è preceduta a 200 metri da un limite di 50km/h, e a 100 metri da un limite di 30km/h. Ma ovviamente quel limite è valido solo per la rotonda, non per il rettilineo successivo infatti subito dopo la rotonda, in concomitanza con un cavalcavia, si può osservare il segnale di “fine limite a 30km/h“. E da quel punto in poi, per tutto il rettilineo, il limite torna a 90km/h.

fine limite 30kmhPurtroppo, però, l’ignoranza regna al volante. Probabilmente quel segnale di “fine limite a 30km/h” molti patentati non sanno neanche che significa, perchè il sistema di scuola guida non è affatto differente rispetto a quello della scuola di cui abbiamo parlato oggi in quest’articolo.

Il problema – lo ribadiamo ad ogni occasione utile – non è la strada. La SS106 non è la “strada della morte“. Il problema è come guida molta gente. Sul Lungomare sfrecciano a 80km/h tra i pedoni nel centro urbano, poi impuntano in superstrada a 30km/h soltanto per paura di un autovelox in un tratto in cui il limite è a 90km/h… E andare troppo piano, in autostrada o superstrada, non significa prudenza ma equivale all’andare troppo forte. Cioè aumentare il rischio di incidenti. Basterebbe rispettare i limiti…

Reggio Calabria, autovelox sulla SS106. La stradale conferma: “il limite è 90″. E i segnali sono chiari [FOTO]

A tal proposito, ecco un video realizzato da Antonino Mangiola, simpatico ed esplicativo al tempo stesso: