Reggio Calabria, i consiglieri di Forza Italia sfiduciano Maiolino: “adesso si dimetta”

Reggio Calabria, elezioni Città Metropolitana. I consiglieri di Forza Italia: “Matalone non ha ritenuto di fornire alcun contributo quando si è proceduto alla formazione della lista”

forza italia in frantumi“Strano e incomprensibile quanto affermato dal consigliere Maiolino che ha già dimenticato di essere stato nominato capogruppo di Forza Italia pur non essendo graditissimo a tutti i suoi colleghi di gruppo. Da capogruppo consiliare non ha ritenuto di fornire alcun contributo quando si è proceduto alla formazione della lista, ma dopo che i consiglieri regionali Cannizzaro e Nicolò hanno definito le candidature, il buon Maiolino ha condiviso l’operato tanto da essere tra i sottoscrittori della lista. Maiolino non ha inteso partecipare ad alcun incontro, non si è mai adoperato in qualità di capogruppo, mentre gli altri consiglieri hanno non solo fornito contributi importanti al progetto politico del centrodestra, ma addirittura alcuni di loro hanno accettato di candidarsi. Il tutto evidentemente senza la presenza e la “guida” che invece sarebbe doverosamente toccata proprio al capogruppo Maiolino”, affermano in una nota i consiglieri comunali di Reggio Calabria di Forza Italia Caracciolo, D’Ascoli, Dattola, Pizzimenti. “Peraltro -proseguono- dimostra di ignorare le prerogative in capo ai consiglieri regionali che, in quanto dirigenti regionali del Partito, hanno titolo e legittimazione per chiedere l’attivazione delle procedure statutarie finalizzate alla verifica delle condizioni per la espulsione. Certamente il capogruppo avrebbe potuto e dovuto fare molto di più. In seno di riunione di gruppo fu avanzata la proposta di supportare due membri del gruppo consiliare reggino e il collega non prese posizione in merito, abdicando alla sua propria funzione di guida forzista. E’ indubbio – aggiungono- il momento di difficoltà politica del centrodestra e forse quando fa riferimento ai “valori venuti meno” probabilmente si riferisce ai propri valori, il che potrebbe far supporre che il primo ad abbandonare la nave sarà proprio lui. Mentre conferma di non aver votato nemmeno la lista, Maiolino invece aveva la possibilità di votare altri colleghi come il consigliere D’Ascoli: perché non lo ha fatto? Volutamente tralasciamo poi le sue considerazioni sull’assessore Lamberti: egli è per noi motivo di orgoglio per il suo bagaglio umano, culturale e politico e la sua presenza può solo contribuire ad accrescere il ruolo di Forza Italia. L’ulteriore ammissione di colpa Maiolino la manifesta dichiarando di non essersi pentito per non aver votato la nostra lista, dimostrando in tal modo l’inaffidabilità e l’irresponsabilità politica di un uomo che invece, per il ruolo ricoperto, avrebbe dovuto sostenere il partito senza se e senza ma. Vista la sfiducia nei suoi confronti da parte del partito sarebbe opportuno che si dimettesse da Capogruppo di FI dimostrando così di avere, finalmente, un briciolo di responsabilità”, concludono.