Reggio Calabria: confiscati beni appartenenti ad esponenti della ‘ndrangheta per un valore di 500 mila euro [NOME e DETTAGLI]

Reggio Calabria: la Polizia di Stato esegue un provvedimento di confisca di beni, appartenenti ad esponenti della ‘ndrangheta di Seminara, per un valore di 500 mila euro

polizia di statoLa Polizia di Stato ha messo a segno un ulteriore attacco ai patrimoni illecitamente acquisiti da soggetti appartenenti alla ‘ndrangheta. Nella mattinata del 2 agosto u.s. in Seminara (RC) è stato eseguito un provvedimento di confisca di beni, emesso dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria, nei confronti di LAGANÀ Saverio, classe ‘70, esponente della cosca “Gioffrè”, operante nel comprensorio di Seminara. LAGANÀ Saverio, attualmente detenuto, è stato condannato dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria alla pena definitiva di anni 8 di reclusione per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso nell’ambito dell’operazione “Artemisia”, per aver preso parte alla faida tra le opposte fazioni dei “GIOFFRÈ”, detti “’ndoli ” e dei “CAIA-LAGANÀ” detti “’ingrisi ”, con la scissione di quest’ultimo gruppo in ulteriori  due sotto-gruppi contrapposti, rispettivamente i    “CAIA-GIOFFRÈ” da un lato ed i “LAGANÀ” dall’altro, che insanguinò le strade del comprensorio di Seminara.

Le indagini patrimoniali, condotte dagli uomini dell’Ufficio Misure di Prevenzione della Divisione Polizia Anticrimine, hanno dimostrato l’evidente sproporzione tra i redditi formalmente percepiti dal proposto e il patrimonio a lui direttamente o indirettamente riconducibile, frutto del reimpiego di capitali di provenienza illecita. L’Autorità Giudiziaria, accogliendo le risultanze delle citate investigazioni di carattere patrimoniale, ha disposto la confisca dei seguenti beni, ubicati nel Comune di Seminara, già sequestrati nel novembre 2015 dal locale Tribunale Misure di Prevenzione, sempre su proposta della Divisione Polizia Anticrimine della Questura di Reggio Calabria:

-          1 immobile composto da piano terra e primo piano;
-          7 appezzamenti di terreno adibiti ad uliveto.

Il valore dei beni confiscati ammonta complessivamente a circa 500 mila euro.